Infermieri sul territorio salutano Tilla: fu governante di Liala

Infermieri sul territorio salutano Tilla: fu governante di Liala

Lascia questo mondo e va a ritrovare la sua “padrona”, era così che chiamava Liala, scrittrice famosa degli anni del dopoguerra. Ieri i funerali della governante. Parola oramai in disuso quest'ultima, ovvero colei che governava la casa, si occupava di tutto, anche della prole, del vitto, della manutenzione. Figura oggi mal sostituita dalla badante.

Si, perché la governante era una persona di famiglia, viveva e dava tutta se stessa alla famiglia divenendo "una di noi". Questo è successo a Tilla, al secolo Tarsilla Durante, che ha vissuto gli ultimi suoi 62 anni assieme alla famiglia Cambiasi (la stessa di Amalia Liana Cambiasi Negretti Odescalchi, famosa come Liala).

Liala (1897-1995) è stata la più amata autrice italiana di romanzi d'appendice. Fu Gabriele D'Annunzio a coniare il suo nome: "Ti chiamerò Liala perché ci sia sempre un'ala nel tuo nome."

Tilla si è spenta a Varese all’età di 90 anni. E' stata seguita fino alla fine dal Gruppo AssoCare.it e nello specifico dagli Infermieri Liberi Professionisti dell'APP IltuoInfermiere.it, voluti dalla nipote di Liala. Infermieri di Famiglia a tutti gli effetti perché di famiglia si trattava. Un gruppo familiare che tutto con la figlia della famosa scrittrice, Primavera, come fossero sorelle. Vivevano assieme nella casa a Varese e vantavano ben 62 anni di compresenza senza nessun litigio. Il rispetto e l’amore tra queste due donne era sacro, qualcosa di irreale al giorno d’oggi.

"Siamo entrati in una casa rimasta ferma nel tempo - hanno riferito ad AssoCareNews.it Francesca e Simona, ambedue Infermiere di Famiglia rispettivamente a Como e Varese, che hanno curato negli ultimi istanti Tilla - sembrava di vivere negli anni 50, con le riverenze rispettose che le due signore si scambiavano in presenza di estranei, sorprese a darsi del tu e a scambiarsi affetto come fossero sorelle quando le lasciavamo da sole”.

Le colleghe de IltuoInfermiere.it sono state chiamate perché specializzate nell'accompagnamento nel fine vita e nella gestione domiciliare di pazienti/utenti cronici e poli-patologici. L'assistenza delle due è stata apprezzata anche dal medico di base e dal servizio cure palliative, che hanno preferito lasciare le cose come stavano valorizzando l'azione e gli interventi di Francesca e Simona

Tilla si era affezionata anche a loro, nei pochi giorni in cui è stata curata e coccolata nelle mura domestiche, in quel posto che era suo di diritto, era lì che voleva concludere il capitolo di questa vita.

Gli Infermieri di Famiglia, anche se privati, hanno dimostrato ancora una volta di saperci fare e di saper gestire i pazienti anche sotto l'aspetto umano, oltre che assistenziale.

Brave ragazze, arrivederci Tilla!

Pin It
Author: Dott.ssa Francesca RicciEmail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Altri servizi dell'Autore


Stampa   Email