Mononucleosi. Etiologia, segni, sintomi e cura della malattia del bacio.
Mononucleosi. Etiologia, segni, sintomi e cura della malattia del bacio.
Pubblicità

L’innamoramento nelle corsie di un ospedale non è cosa rara. Ecco la storia di Andrea che ha conosciuto sua moglie in Terapia Intensiva. Da 19 anni sono una coppia sposata. Hanno vissuto la loro storia con molta discrezione.

Carissimo Direttore di AssoCareNews.it,

vi leggo oramai costantemente e nel leggere la storia dei colleghi medico e infermiere innamorati non ho potuto che sorridere e ricordare che io e mia Moglie eravamo come loro colleghi in TIPO e improvvisamente diventammo anche noi coppia nella vita, sai quegli amori che sbocciano tra le fisiologiche e i monitor, dove vivi con la tua collega in sintonia e poi ti accorgi che questa sintonia è la base anche dei rapporti affettivi.

Così una notte di maggio, forse la primavera, ma decisi di inviare un sms (whattsapp non esisteva) con una poesia mia. Dopo 1 mese eravamo a Parigi insieme e ad oggi passati 19 anni da quel giorno siamo papà e mamma di 2 splendidi ragazzi e divenuti nel frattempo coordinatori dei rispettivi reparti intensivi, ma i nostri superiori hanno saputo della nostra relazione solo alla richiesta del congedo matrimoniale e invito al matrimonio, dopo 5 anni di convivenza, trascorsi nella discrezione più completa.
Certo in riguardo ai colleghi Emiliani, come avrebbe potuto non gratificarlo con un bacio in un momento cosi romantico, anche Ippocrate e Florence Nightingale avrebbero approvato, dietro il camicie o la divisa siamo esseri umani che dedicano la vita al loro lavoro o a volte il lavoro alla loro vita… difficile comprenderlo… .auguri comunque ai miei stupendi colleghi emiliani, incorniciate in salone il vostro richiamo e andatene fieri… sarà motivo di risate e bei ricordi con i vostri figli e nipoti.
Andrea Delfini, un lettore.