histats.com

Scala di Cincinnati: per la valutazione dell’Ictus.

Scala di Cincinnati: per la valutazione dell’Ictus.

Molto importante nella fase dell’emergenza-urgenza. A cosa serve la scala di Cincinnati e perché è utile nell’ictus.

La Scala di Cincinnati si utilizza per valutare la potenziale presenza di eventi ischemici nel paziente che abbiamo davanti. Il suo ambito di utilizzo è prettamente pre-ospedaliero. E’ ad uso di Infermieri o Soccorritori del servizio emergenza-urgenza nella fase critica. Si compone di 3 item. Ad ogni item positivo si aggiunge uno score positivo fino ad un massimo di 3: dove 0 indica assenza di rischio di Ictus e 3 indica un alto rischio di Ictus.

Paresi facciale.

Descrizione:

  • chiedere al paziente di sorridere o di mostrare i denti e chiedere di notare se entrambi i lati del viso si muovono ugualmente;

Valutazione:

  • Positiva – patologica, il paziente non riesce a muovere un lato del viso bene come l’altro
  • Negativa – fisiologica, il paziente muove entrambi i lati del viso ugualmente

Deficit motorio relativo agli arti superiori

Descrizione:

  • chiedere al paziente di estendere gli arti superiori per 10 secondi mentre tiene gli occhi chiusi e chiedere di notare se gli arti si muovono alla stessa maniera;

Valutazione:

  • Positiva – patologica, il paziente non riesce a muovere un braccio oppure un braccio resta più basso rispetto all’altro;
  • Negativa – fisiologica, il paziente muove ugualmente bene entrambi gli arti superiori o non li muove ugualmente.

Anomalie del linguaggio

Descrizione:

  • chiedere al paziente di ripetere una frase (ad esempio “trecentotrentatreesimo reggimento della cavalleria”) e chiedere di notare se il paziente usa correttamente con linguaggio.

Valutazione:

  • Positiva – patologica, il paziente farfuglia, pronuncia le parole in modo errato oppure non riesce a parlare
  • Negativa – fisiologica, il paziente pronuncia correttamente le parole senza farfugliare

Attualmente in Emilia-Romagna è stata validata la Scala Cincinnati pre-ospedaliera (CPSS – Cincinnati Prehospital Stroke Scale), il cui uso è prettamente riservato al triage intra ed extra ospedaliero. Attualmente è in corso una campagna regionale per la lotta all’ictus, ecco il link relativo alla campagna:

  • Contro l’ictus insieme a Giacobazzi: ecco come riconoscere i sintomi – Link 1
  • Ictus, la rete metropolitana di Bologna  Link 2
Avatar

Dott.ssa Giulia De Francesco

Infermiera, classe 1994. Vive a Imola e lavora presso l’Istituto di Montecatone - Ospedale di Riabilitazione; ha prestato la sua opera in passato nell'AUSL Romagna. Laurea in infermieristica con Lode presso l'Università di Bologna, I sessione (ottobre 2016). Master in funzioni di coordinamento con Lode presso l'Università di Modena e Reggio Emilia, I sessione (novembre 2018). Una pubblicazione scientifica sulla rivista italiana ANIPIO "Sperimentazione di una check-list per implementare un Bundle per la prevenzione delle batteriemie correlate a Catetere Venoso Centrale" (ottobre 2017). Ama leggere e camminare, non datele un microfono perché improvvisa un karaoke ovunque.

© 2019-2020 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2019 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Bologna.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Giulia De Francesco, Giovanni Maria Scupola, Ivan Santoro, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Emilia Romagna: Viale Spadolini, 13 – Ravenna – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394