histats.com
lunedì, Aprile 15, 2024
HomeConcorsi InfermieriAppunti Concorsi InfermieriQuinta malattia: cos'è, sintomi, cause, diagnosi e trattamento del megalo eritema Infettivo.

Quinta malattia: cos’è, sintomi, cause, diagnosi e trattamento del megalo eritema Infettivo.

Pubblicità

Quinta malattia: cos’è, sintomi, cause, diagnosi e trattamento del megalo eritema Infettivo.

La quinta malattia, o megaloeritema infettivo, è una patologia infettiva virale che colpisce principalmente i bambini in età scolare. È causata dal parvovirus B19, un virus che si trasmette attraverso le secrezioni respiratorie, come la saliva e le goccioline prodotte durante la tosse e gli starnuti.

Incubazione e sintomi.

Il periodo di incubazione è di circa 14 giorni. I sintomi iniziali sono spesso lievi e possono includere:

  • Febbre;
  • Mal di testa;
  • Dolori muscolari;
  • Mal di gola.

In alcuni casi, possono comparire anche dolori articolari, soprattutto alle ginocchia.

Dopo circa 7-10 giorni dall’inizio dei sintomi, compare l’esantema, che è il segno caratteristico della quinta malattia. L’esantema inizia sulle guance, assumendo un aspetto a “guance schiaffeggiate”. Successivamente, si diffonde al resto del corpo, principalmente alle braccia e alle gambe. L’esantema è solitamente di colore rosso vivo e può essere pruriginoso.

Trattamento e cura.

E’ una malattia benigna che guarisce spontaneamente entro 1-2 settimane. Non esiste un trattamento specifico, ma è possibile alleviare i sintomi con farmaci da banco, come il paracetamolo o l’ibuprofene.

E’ altamente contagiosa, soprattutto durante il periodo di incubazione e nei primi giorni di malattia. Per prevenire la diffusione della malattia, è importante:

  • Lavarsi le mani frequentemente;
  • Evitare il contatto con persone che sono malate;
  • Coprire la bocca e il naso quando si tossisce o si starnutisce.

La quinta malattia non è pericolosa per la maggior parte delle persone, ma può essere grave per le donne in gravidanza, soprattutto se la malattia si manifesta durante il primo trimestre. Il parvovirus B19 può danneggiare il fegato del feto, causando anemia e, in alcuni casi, aborto spontaneo o morte fetale.

Se una donna in gravidanza la contrae, è importante consultare un medico il prima possibile. Il medico può prescrivere farmaci per proteggere il feto.

Dott.ssa Francesca Ricci
Dott.ssa Francesca Ricci
Francesca Ricci è una web-writer esperta in ambito sanitario. Da anni si occupa di questioni sociali, politica ed economia.
RELATED ARTICLES

Novità

© 2023-2024 Tutti i diritti sono riservati ad AUSER APS - San Marco in Lamis - Tra sanità, servizi socio sanitari e recupero della memoria - D'intesa con AssoCareINFormazione.it.

© 2023-2024 ACN | Assocarenews.it

Quotidiano Sanitario Nazionale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Andrea Ruscitto, Lorisa Katra, Luigi Ciavarella, Antonio Del Vecchio, Francesca Ricci, Arturo AI.

Per contatti: WhatsApp > 3474376756Scrivici

Per contatti: Cell. > 3489869425PEC

Redazione Centrale: AUSER APS - Via Amendola n. 77 - San Marco in Lamis (FG) – Codice Fiscale: 91022150394