Pubblicità

Hai bisogno di assumere Omega 3? Prima consultati con il tuo Medico di fiducia. Ecco perché e quando utilizzare questo integratore.

Hai bisogno di assumere Omega 3? La risposta a questa domanda lo spiega la scienza. Circa il 10% degli adulti americani assume regolarmente un integratore di omega-3, nonostante l’incertezza sul fatto che questi prodotti siano davvero all’altezza delle loro indicazioni sulla salute.

Ma due nuovi studi pubblicati nel novembre 2018 fanno luce su chi potrebbe trarre beneficio dagli integratori di omega-3 e chi probabilmente no.

Proponiamo gli studi:

  1. VITAL;
  2. REDUCI-IT.

VITAL.

Il primo studio è stato il Vitamin D and Omega-3 Trial (VITAL), un ampio studio pluriennale con 25.871 adulti sani senza anamnesi di malattie cardiovascolari (correlate al cuore o ai vasi sanguigni) ea “rischio normale” per questo. Il gruppo era eterogeneo e scelto per essere rappresentativo della popolazione generale, afferma l’autore principale dello studio, il dottor JoAnn E. Manson, professore di medicina e professore di salute femminile Michael e Lee Bell presso la Harvard Medical School.

I ricercatori hanno testato, tra le altre cose, se un dosaggio moderato (1 grammo al giorno) di un integratore di omega-3 potesse aiutare a prevenire eventi cardiovascolari maggiori, rispetto a un placebo. Gli eventi cardiovascolari includevano non solo attacchi di cuore, ma anche ictus e procedure di angioplastica per pulire le arterie bloccate.

“I risultati sono alquanto complessi e sfumati. Non è un semplice sì, o no, o una risposta valida per tutti. Alcuni gruppi tendevano a trarne beneficio, mentre altri no”, afferma il dottor Manson.

Sebbene un integratore giornaliero di 1 grammo di omega-3 non abbia ridotto in modo significativo gli eventi cardiovascolari maggiori, c’è stata una riduzione del 28% degli attacchi di cuore e segnali promettenti per altri endpoint correlati al cuore, dice. Sebbene il supplemento non sembrasse proteggere la maggior parte delle persone sane da futuri problemi cardiaci, alcuni gruppi sembravano beneficiarne, in particolare le persone che mangiavano meno di 1,5 porzioni di pesce a settimana o non mangiavano affatto pesce. “Per queste persone, c’è stata una significativa riduzione del 19% dell’endpoint primario dei principali eventi cardiovascolari, con una riduzione del 40% degli attacchi di cuore”, afferma il dottor Manson.

Gli integratori sembravano anche avvantaggiare i partecipanti afroamericani, che hanno visto una riduzione del 77% nell’infarto per coloro che ricevevano il supplemento di omega-3, rispetto a quelli che assumevano il placebo, afferma il dottor Manson. Non è chiaro perché questo gruppo abbia beneficiato di più e sono necessari ulteriori studi per confermare la scoperta.

REDUCI-IT.

Il secondo studio, denominato Reduction of Cardiovascular Events with EPA-Intervention Trial (REDUCE-IT), ha incluso più di 8.000 adulti di mezza età e anziani che avevano livelli elevati di trigliceridi e che avevano già sperimentato un evento cardiovascolare o avevano altri fattori di rischio significativi per uno. Mirava a scoprire se un farmaco omega-3 ad alte dosi giornaliere da 4 grammi potesse proteggere i partecipanti da futuri eventi cardiovascolari, rispetto a un placebo.

Questo studio, condotto dal dottor Deepak Bhatt, cardiologo e professore di medicina presso la Harvard Medical School, ha rilevato una sostanziale riduzione del 25% del rischio di morire di malattie cardiache o di soffrire di un evento cardiovascolare tra le persone che hanno assunto il farmaco, rispetto a quelle che aveva il placebo. Alte dosi di integratori di omega-3, come il prodotto ad alto dosaggio di omega-3 utilizzato in questo studio, non sono appropriate per tutti perché comportano rischi, come sanguinamento o un aumento di un tipo di ritmo cardiaco anormale noto come fibrillazione atriale , dice il dottor Manson.

“Tuttavia, mentre dosi elevate sono associate a qualche rischio, i benefici complessivi del prodotto omega-3 ad alto dosaggio utilizzato nello studio sembravano superare i rischi per le persone con alti livelli di trigliceridi e una storia di, o ad alto rischio, di malattie cardiovascolari malattia”, dice il dottor Manson.

Scegliere il giusto integratore.

Cerchi un integratore di omega-3 da banco? Ecco cosa cercare:

Una dose di 1 grammo, a meno che il medico non consigli di più.

Una combinazione di acido eicosapentaenoico (EPA) e acido docosaesaenoico (DHA). Ciascuno di questi acidi grassi fornisce diversi benefici per la salute.

Un integratore di qualità. Gli indicatori di buona qualità sono sigilli di U.S. Pharmacopeia, NSF International o ConsumerLab.com.

Se i tuoi livelli di trigliceridi sono anormalmente alti e hai un rischio elevato di malattie cardiovascolari, parla con il tuo medico se una prescrizione di omega-3 ad alte dosi potrebbe essere un’opzione.

Mettere in pratica i risultati.

Allora, cosa significano per te questi risultati?

Persone in buona salute. Se sei sano e hai un rischio medio o basso di malattie cardiache, è probabile che tu non abbia bisogno di un integratore di omega-3, a condizione che tu mangi pesce spesso, afferma il dottor Manson. Dovresti mangiare almeno due porzioni a settimana di pesce grasso, come salmone, tonno o aringa. Punta a pesci ad alto contenuto di due diversi acidi grassi omega-3, acido eicosapentaenoico (EPA) e acido docosaesaenoico (DHA), ognuno dei quali offre benefici per la salute unici.

Ottenere i tuoi acidi grassi omega-3 dal cibo è sempre preferibile a un integratore. Non solo ottieni gli acidi grassi marini omega-3 dal pesce, ma potenzialmente sostituisci anche cibi meno salutari nella tua dieta, come carne rossa, alimenti trasformati o cereali raffinati, afferma il dottor Manson. “È un buon cambiamento nello stile di vita da apportare ed è stata una raccomandazione per un po ‘. Niente in questi studi sostituisce la raccomandazione per un consumo moderato di pesce”, dice.

Non assuntori di pesce e afroamericani.

Tuttavia, se non puoi mangiare pesce o non ti piace il pesce, un integratore di omega-3 è qualcosa da considerare. (Gli integratori a base di alghe sono un’opzione se sei vegetariano o allergico al pesce.) Gli afroamericani potrebbero anche prendere in considerazione un integratore a causa dei vantaggi unici rivelati in questo studio.

Per questi due gruppi, un supplemento giornaliero di 1 grammo potrebbe fornire un buon equilibrio tra sicurezza ed efficacia. “Parla con il tuo medico se sei un candidato per un integratore”, afferma il dottor Manson.

Stai già prendendo gli omega-3? Se stai già assumendo un integratore di omega-3 da banco, non devi necessariamente interrompere l’assunzione se non rientri in una delle categorie sopra, a meno che il tuo medico non ti dica di farlo. Ma se non stai assumendo un integratore di omega-3, se dovresti iniziare dipende davvero dai tuoi fattori di rischio individuali, afferma il dottor Manson.

Indipendentemente dal fatto che tu scelga un integratore di omega-3, dovresti sempre sforzarti di mantenere una dieta e uno stile di vita sani. “Nessun integratore alimentare è un sostituto. Lo sappiamo già, e penso che questo sia un punto importante da rafforzare”, afferma il dottor Manson. “Pratiche di stile di vita sano, tra cui attività fisica regolare, dieta sana e non fumare, ridurranno il rischio di malattie cardiache di quasi l’80%, e questa è davvero la raccomandazione principale per la salute del cuore”, dice.

Fattori di rischio cardiovascolare. Se hai un livello elevato di trigliceridi e una storia di malattie cardiovascolari o hai importanti fattori di rischio, può essere consigliabile un farmaco omega-3 ad alte dosi. Questo è vero anche se stai già assumendo un farmaco a base di statine. Il farmaco omega-3 non sostituisce la statina.

In conclusione.

Sebbene questi due studi abbiano rivelato alcune nuove conoscenze sui potenziali benefici degli integratori di omega-3, maggiori informazioni saranno probabilmente disponibili nel prossimo futuro. VITAL ha anche esaminato l’effetto della integrazione di omega-3 su declino cognitivo, diabete, depressione e disturbi autoimmuni, tra le altre condizioni, e quei risultati saranno pubblicati entro il prossimo anno, afferma il dottor Manson.

Bibliografia e sitografia:

  • Should you be taking an omega-3 supplement? – Harvard Health PublishingLINK;
  • Archivio AssoCareNews.itLINK.

Leggi anche:

Omega 3 e Omega 6: proprietà, dieta e alimenti che li contengono.

2 COMMENTS

Comments are closed.