histats.com
domenica, Giugno 13, 2021
Pubblicità
HomePazientiPatologieCisti della Ghiandola di Bartolini: cosa sono e come si trattano.

Cisti della Ghiandola di Bartolini: cosa sono e come si trattano.

Le cisti della Ghiandola di Bartolini possono presentarsi nella donna anche in maniera improvvisa. Cosa sono, come si creano e soprattutto come si curano.

Una cisti della Ghiandola di Bartolini, chiamata anche cisti del dotto di Bartolini, è una piccola sacca piena di liquido appena dentro l’apertura della vagina di una donna.

Sintomi della cisti della Ghiandola di Bartolini.

Potresti sentire un nodulo morbido e indolore. Questo di solito non causa problemi.

Ma se la ciste diventa molto grande, può diventare evidente e scomoda. Potresti sentire dolore alla pelle che circonda la vagina (vulva) quando cammini, ti siedi o fai sesso.

La cisti a volte può colpire il paio di labbra esterne che circondano la vagina (grandi labbra). Un lato può sembrare gonfio o più grande del solito.

Se la cisti viene infettata, può causare lo sviluppo di una dolorosa raccolta di pus (ascesso) in una delle ghiandole di Bartolini.

I segni di un ascesso includono l’area interessata che diventa rossa, gonfia, tenera e calda. Può anche causare una temperatura elevata di 38 ° C o superiore.

Quando è opportuno chiamare il Medico di fiducia.

Le piccole cisti di Bartolini a volte si trovano solo durante un test di screening cervicale di routine o un esame eseguito per un altro motivo.

Rivolgiti sempre a un medico di famiglia se sviluppi un nodulo nell’area intorno alla vagina in modo che possa confermare una diagnosi ed escludere condizioni più gravi.

Se pensano che la cisti o una delle ghiandole di Bartolini possano essere infette, possono utilizzare un tampone per rimuovere un campione di secrezione per l’analisi per identificare i batteri responsabili.

In alcuni casi, il tuo medico di famiglia potrebbe consigliarti di fare una biopsia. Un piccolo campione di tessuto cistico verrà rimosso ed esaminato al microscopio per verificare la presenza di segni di un raro tipo di cancro vulvare chiamato cancro della ghiandola di Bartolini.

Le cause.

Le ghiandole di Bartolini sono un paio di ghiandole delle dimensioni di un pisello che si trovano appena dietro e su entrambi i lati delle labbra che circondano l’ingresso della vagina.

Le ghiandole di solito non sono evidenti perché sono raramente più grandi di 1 cm (0,4 pollici) di diametro.

Le ghiandole di Bartolini secernono fluido che funge da lubrificante durante il sesso. Il fluido viaggia lungo piccoli tubi chiamati condotti nella vagina.

Se i dotti si ostruiscono, possono riempirsi di liquido ed espandersi per formare una cisti.

Spesso non è noto il motivo per cui i dotti si ostruiscono, ma alcuni casi sono legati a infezioni batteriche a trasmissione sessuale (IST), come la gonorrea o la clamidia, o altre infezioni batteriche, come Escherichia coli (E. coli).

Come vengono trattate le cisti di Bartolini.

Se non hai sintomi evidenti, è improbabile che tu abbia bisogno di cure.

Se la cisti è dolorosa, un medico di base può raccomandare alcune semplici misure di cura di sé, come immergere la cisti in acqua calda più volte al giorno per 3 o 4 giorni e assumere antidolorifici che puoi acquistare in farmacia o in negozio.

Se questi non funzionano, sono disponibili diversi trattamenti per trattare il dolore e qualsiasi infezione. Se necessario, la cisti può essere drenata. La maggior parte di questi trattamenti comporta una procedura chirurgica minore.

La cisti di Bartolini a volte può tornare dopo il trattamento.

Chi colpisce?

La cisti di Bartolini di solito colpisce le donne sessualmente attive di età compresa tra i 20 ei 30 anni.

Le cisti di Bartolini di solito non colpiscono i bambini perché le ghiandole di Bartolini non iniziano a funzionare fino alla pubertà.

Le cisti sono anche rare dopo la menopausa poiché questo di solito causa il restringimento delle ghiandole di Bartolini.

Prevenire è sempre meglio che curare.

Non è chiaro esattamente il motivo per cui si sviluppano le cisti di Bartolini, quindi di solito non è possibile prevenirle.

Ma poiché si pensa che alcuni siano collegati a malattie sessualmente trasmissibili, praticare sesso sicuro (usando un preservativo ogni volta che fai sesso) può aiutare a ridurre le tue possibilità che si sviluppi.

Leggi anche:

Vulva: com’è fatta la parte esterna dei genitali femminili.

Redazione AssoCareNews.it
Redazione di AssoCareNews.it
RELATED ARTICLES

2 Commenti

Comments are closed.

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394