histats.com
martedì, Maggio 21, 2024
HomeIn evidenzaAssistente Materna: nuova ideona per favorire la maternità e la crescita demografica...

Assistente Materna: nuova ideona per favorire la maternità e la crescita demografica nazionale. E le Ostetriche?

Pubblicità

Nursing Up. Cos’è l’assistente materna? Ecco la nuova ideona per favorire la maternità e la crescita demografica nazionale. E le Ostetriche le mandiamo in pensione?

Egr. Direttore,

il compito dell’assistente materna dovrebbe essere quello di supportare le giovani mamme nel periodo che va dal giorno del parto ai primi mesi del figlio, aiutandole con ogni dubbio legato all’arrivo di una nuova vita in famiglia.

Ogni madre avrà a disposizione diverse ore da trascorrere con la professionista, instaurando un rapporto personale e diretto.

L’obiettivo del Governo è quello di garantire una copertura capillare, assicurando almeno tre assistenti ogni 20mila abitanti. Tecnicamente un assistente per 6666 abitanti. Fumo negli occhi? Tali direttive non considerano l’esistenza delle OSTETRICHE, laureate e specializzate all’uopo, che per tradizione e formazione si occupano delle donne, dalla nascita, alla vecchiaia, senza trascurare la gravidanza. Una visione del genere non ha considerato, lontanamente, l’esistenza di questa importante figura “l’ostetrica”. Nel Lazio abbiamo i consultori che sono stati depauperati in tutto, già esistenti, che andrebbero semplicemente fortificati in risorse umane e mezzi. I consultori familiari sono servizi sociosanitari integrati di base, con competenze multidisciplinari, determinanti per la promozione e la prevenzione nell’ambito della salute della donna, dell’età evolutiva, dell’adolescenza e delle relazioni di coppia e familiari. Ogni consultorio, dovrebbe avere almeno due ostetriche, qualificatissime all’assistenza materna e sono già diffusi sul territorio.

La stessa Meloni è diventata madre a 39 anni, invero l’età media al parto è arrivata a 32,4 anni. Non voglio alludere al motivo, né ci interessa, ma siamo certi che le leggi nazionali non favoriscono in alcun modo la maternità, neanche in politica. Sappiamo che a fronte delle indennità appena aumentate per i politici, nessuno ha fatto nulla per consentire la maternità alle nostre donne della politica. L’assenza per la gravidanza è considerata assenza ingiustificata, fatto salvo solo alcune rare realtà. Quindi, i politici, come possono pensare di essere promotori della crescita demografica? E’ la scelta più importante e necessaria, quella proposta, l’assistente materna?

Secondo “equilibriste”, il rapporto di Save The Children, la bassa fecondità nel nostro Paese è frutto naturalmente di molte cause. Dalla carenza dei servizi alla distribuzione dei carichi di cura familiare. E poi, naturalmente, il lavoro: in senso diretto ma anche indiretto. Non solo dove le donne lavorano si fanno più figli (questo è un dato). Ma, anche: dove le donne lavorano e la divisione dei ruoli è più equa aumentano le intenzioni di fecondità.

Secondo l’Istituto Nazionale per l’Analisi delle Politiche Pubbliche (INAPP): lo svantaggio delle donne in termini di retribuzione media è di oltre 7 mila euro annui per gli impieghi full– time, con le retribuzioni medie femminili del 20% inferiori rispetto a quelle degli uomini.

Ancora, per l’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL) nel 2021 le dimissioni volontarie dei neo genitori sono in aumento e il 71,8% riguardano donne.

Le donne debbono essere aiutate a conciliare maternità e lavoro. In Italia, solo 1 bambino su 10 può accedere a un asilo nido pubblico, con picchi negativi che si registrano in regioni come Calabria e Campania, dove la copertura è pressoché assente e, rispettivamente, solo il 2,6% e il 3,6% dei bambini frequenta un nido pubblico. Tra i posti nei nidi coprono, appena, il 18% delle domande. Se poi si va ad approfondire regione per regione, viene la pelle d’oca!

I bambini che nascono oggi, verosimilmente, non troveranno: posto al nido, insegnanti di sostegno, carta igienica nei bagni della scuola media e molto altro.

Abbiamo bisogno di politiche serie pro crescita demografica, oggi una donna che decide di fare un figlio è da considerare un eroina. …per non parlare del fatto se è una professionista sanitaria, nessuna agevolazione è prevista per le professioniste sanitarie, spesso penalizzate dopo una gravidanza.

Ci sono stati, l’Italia è nota per grandi proclami, annunci sensazionali e spesso privi di cognizione di causa! Facciamo i seri, facciamo politiche utili a favore della crescita demografica!

Laura Rita Santoro – Infermiera, Nursing Up Lazio

_________________________

AVVISO!

  • Per chi volesse commentare questo servizio può scrivere a redazione@assocarenews.it
  • Iscrivetevi al gruppo Telegram di AssoCareNews.it per non perdere mai nessuna informazione: LINK
  • Iscrivetevi alla Pagina Facebook di AssoCareNews.itLINK
  • Iscrivetevi al Gruppo Facebook di AssoCareNews.itLINK

Consigliati da AssoCareNews.it:

RELATED ARTICLES

Novità

© 2023-2024 Tutti i diritti sono riservati ad AUSER APS - San Marco in Lamis - Tra sanità, servizi socio sanitari e recupero della memoria - D'intesa con AssoCareINFormazione.it.

© 2023-2024 ACN | Assocarenews.it

Quotidiano Sanitario Nazionale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Andrea Ruscitto, Lorisa Katra, Luigi Ciavarella, Antonio Del Vecchio, Francesca Ricci, Arturo AI.

Per contatti: WhatsApp > 3474376756Scrivici

Per contatti: Cell. > 3489869425PEC

Redazione Centrale: AUSER APS - Via Amendola n. 77 - San Marco in Lamis (FG) – Codice Fiscale: 91022150394