Sanità: perché conviene più il privato? Se n’è discusso a Mi Manda Raitre

Sanità: perché conviene più il privato? Se n'è discusso a Mi Manda Raitre.
Sanità: perché conviene più il privato? Se n'è discusso a Mi Manda Raitre.

La sanità Italiana Pubblica è lenta, una lumaca è più veloce. Per le visite specialistiche si aspettano anche anni, cosa differente nel privato. Se n’è discusso ampiamente nel corso dell’ultima puntata di “Mi manda Raitre” (27 marzo 2018), la trasmissione di denuncia del terzo canale RAI condotta da Salvo Sottile. Ospite d’onore Tonino Aceti, presidente nazionale di CittadinanzAttiva.

Al minuto 27,10 Salvo Sottile parla di medici e di infermieri, mentre il servizio sulle liste d’attesa comincia al minuto 22.45 (LINK). Le liste d’attesa per visite specialistiche, anche se in urgenza/emergenza come nel caso di un tumore o di problemi patologici acuti sono vaste e addirittura bloccate.
 
Le stesse visite se prenotata nel privato, magari con Medici compiacenti che lavorano nel pubblico, si effettuano in pochissimo tempo. Che succede in Italia? Le strutture private sono effettivamente più veloci ed efficienti di quelle del Servizio Sanitario Nazionale? Oppure esiste in Italia un sistema delle prenotazioni che valorizza esclusivamente il “guadagno” da parte dei soliti noti che speculano sulla sanità?
 
Sono domande a cui Sottile e Aceti hanno certo di dare risposte, intervistando anche pazienti e professionisti della salute. Quello che è emerso è che forse il sistema dovrebbe essere riformato e che chi per esempio ha il cancro o un glaucoma non deve aspettare vino a 9 mesi per una prima presa in carico. 
 
I soldi nelle famiglie non ci sono e per curarsi molte sono costrette ad indebitarsi. Perché tutto ciò?

Per finire Sottile ha più volte ricordato che la gente è esasperata e che spesso se la prende con Infermieri e Medici che non c’entrano nulla e che fanno bene il loro lavoro.

ECCO IL VIDEO COMPLETO DELLA PUNTATA.

Potrebbe interessarti...