histats.com
venerdì, Dicembre 3, 2021
Pubblicità
HomePazientiPatologieLinfedema: quando il sistema linfatico va in tilt.

Linfedema: quando il sistema linfatico va in tilt.

Il linfedema si riferisce al gonfiore che generalmente si verifica in una delle braccia o delle gambe. A volte entrambe le braccia o entrambe le gambe si gonfiano. Può verificarsi anche a livello genitale.

Il linfedema è più comunemente causato dalla rimozione o dal danneggiamento dei linfonodi come parte del trattamento del cancro. Deriva da un blocco nel sistema linfatico, che fa parte del sistema immunitario. Il blocco impedisce al fluido linfatico di drenare bene e l’accumulo di liquido porta al gonfiore.

Sebbene al momento non esista una cura per il linfedema, può essere gestito con una diagnosi precoce e una cura diligente dell’arto interessato.

Segni e sintomi.

Segni e sintomi di linfedema, che si verificano nel braccio o nella gamba colpiti, includono:

  • gonfiore di parte o tutto il braccio o la gamba, comprese le dita delle mani o dei piedi;
  • sensazione di pesantezza o oppressione;
  • gamma di movimento ristretta;
  • dolore o disagio;
  • infezioni ricorrenti;
  • indurimento e ispessimento della pelle (fibrosi),

Il gonfiore causato dal linfedema varia da lievi, appena percettibili cambiamenti delle dimensioni del braccio o della gamba a cambiamenti estremi che rendono difficile l’uso dell’arto.

Il linfedema causato dal trattamento del cancro può non manifestarsi fino a mesi o anni dopo il trattamento.

Cause.

Il tuo sistema linfatico è fondamentale per mantenere il tuo corpo sano. Fa circolare il fluido linfatico ricco di proteine ​​in tutto il corpo, raccogliendo batteri, virus e prodotti di scarto. Il tuo sistema linfatico trasporta questo fluido e sostanze nocive attraverso i vasi linfatici, che portano ai linfonodi. I rifiuti vengono quindi filtrati dai linfociti – cellule che combattono le infezioni che vivono nei linfonodi – e infine eliminati dal corpo.

Il linfedema si verifica quando i vasi linfatici non sono in grado di drenare adeguatamente il fluido linfatico, solitamente da un braccio o da una gamba. Il linfedema può essere primario o secondario. Ciò significa che può verificarsi da solo (linfedema primario) o può essere causato da un’altra malattia o condizione (linfedema secondario). Il linfedema secondario è molto più comune del linfedema primario.

Cause di linfedema secondario.

Qualsiasi condizione o procedura che danneggi i linfonodi o i vasi linfatici può causare linfedema.

Le cause includono:

  • Chirurgia. La rimozione o la lesione dei linfonodi e dei vasi linfatici può provocare linfedema. Ad esempio, i linfonodi possono essere rimossi per verificare la diffusione del cancro al seno e i linfonodi possono essere danneggiati in un intervento chirurgico che coinvolge i vasi sanguigni degli arti.
  • Trattamento con radiazioni per il cancro. Le radiazioni possono causare cicatrici e infiammazioni dei linfonodi o dei vasi linfatici.
  • Cancro. Se le cellule tumorali bloccano i vasi linfatici, può verificarsi un linfedema. Ad esempio, un tumore che cresce vicino a un linfonodo o a un vaso linfatico potrebbe ingrandirsi abbastanza da bloccare il flusso del fluido linfatico.
  • Infezione. Un’infezione dei linfonodi o dei parassiti può limitare il flusso del fluido linfatico. Il linfedema correlato all’infezione è più comune nelle regioni tropicali e subtropicali ed è più probabile che si verifichi nei paesi in via di sviluppo.

Cause del linfedema primario.

Il linfedema primario è una rara condizione ereditaria causata da problemi con lo sviluppo dei vasi linfatici nel corpo.

Le cause specifiche del linfedema primario includono:

  • Malattia di Milroy (linfedema congenito). Questo disturbo inizia nell’infanzia e causa la formazione anormale dei linfonodi.
  • Malattia di Meige (linfedema precoce). Questo disturbo spesso causa linfedema intorno alla pubertà o durante la gravidanza, anche se può verificarsi più tardi, fino all’età di 35 anni.
  • Linfedema a esordio tardivo (linfedema tarda). Ciò si verifica raramente e di solito inizia dopo i 35 anni.

Fattori di rischio.

I fattori che possono aumentare il rischio di sviluppare linfedema dopo il cancro, dal trattamento del cancro o da altre cause secondarie includono:

  • Età avanzata;
  • Eccesso di peso o obesità;
  • Artrite reumatoide o psoriasica.

Complicazioni.

Il linfedema al braccio o alla gamba può portare a gravi complicazioni, come:

  • Infezioni. Le possibili infezioni che possono derivare dal linfedema comprendono una grave infezione batterica della pelle (cellulite) e un’infezione dei vasi linfatici (linfangite). La più piccola lesione al braccio o alla gamba può essere un punto di ingresso per l’infezione.
  • Linfangiosarcoma. Questa rara forma di cancro dei tessuti molli può derivare dai casi più gravi di linfedema non trattato. I possibili segni di linfangiosarcoma includono segni blu-rossi o viola sulla pelle.

Leggi anche:

Edema del pene e dello scroto: come gestire il cosiddetto elefantismo.

Redazione AssoCareNews.it
Redazione di AssoCareNews.it
RELATED ARTICLES

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394