tazocin
Pubblicità

Tazocin: cos’è? a cosa serve? quali sono le indicazioni e quali gli effetti collaterali? E’ consentito l’uso in gravidanza?

Tazocin è un farmaco antibiotico a base di piperacillina + tazobactam.

La piperacillina fa parte di un gruppo di medicinali noti come “antibiotici penicillinici ad ampio spettro” ed è in grado di uccidere molti tipi di batteri.

Il tazobactam può impedire che alcuni batteri resistenti sopravvivano agli effetti della piperacillina.

Ciò significa che, quando la piperacillina e il tazobactam vengono somministrati insieme, possono uccidere più tipi di batteri.

Indicazioni.

Tazocin è usato negli adulti e negli adolescenti per il trattamento delle infezioni batteriche, come quelle che colpiscono il tratto respiratorio inferiore (polmoni), il tratto urinario (reni e vescica), l’addome, la cute o il sangue.

Può essere usato per il trattamento di infezioni batteriche nei pazienti con basso numero di globuli bianchi.

Tazocin è usato nei bambini di età compresa tra 2 e 12 anni per il trattamento delle infezioni dell’addome, come appendicite, peritonite e le infezioni della cistifellea.

Effetti Collaterali.

Come tutti i medicinali, Tazocin può causare effetti indesiderati sebbene non tutte le persone li manifestino.

Gli effetti indesiderati gravi sono:
  •  gravi reazioni della cute;
  •  gonfiore del viso, delle labbra, della lingua o di altre parti del corpo;
  •  respiro corto, sibilo respiratorio o difficoltà di respirazione;
  •  rash intenso, prurito o orticaria sulla pelle – ingiallimento degli occhi o della pelle;
  • danno alle cellule del sangue;
  • diarrea grave o persistente accompagnata da febbre o debolezza;
  • emorragia inaspettata, soprattutto per chi sta prendendo anticoagulanti come il warfarin;
Effetti indesiderati comuni:
  •  diarrea, vomito, nausea;
  •  rash cutanei.
Effetti indesiderati non comuni:
  • mughetto;
  • riduzione (anomala) del numero di globuli bianchi (leucopenia, neutropenia) e delle piastrine (trombocitopenia);
  • reazione allergica;
  • mal di testa, insonnia;
  • pressione bassa, infiammazione delle vene (avvertita come dolorabilità o rossore nell’area interessata);
  •  ittero (colorazione giallastra della pelle o del bianco degli occhi), infiammazione delle mucose della bocca, stitichezza, indigestione, disturbi di stomaco;
  • aumento di alcuni enzimi nel sangue (aumento dell’alanina aminotransferasi, aumento dell’aspartato aminotransferasi);
  •  prurito, orticaria;
  • aumento del prodotto del metabolismo muscolare nel sangue (aumento della creatinina nel sangue);
  •  febbre, reazione nella sede dell’iniezione;
  •  infezione da lieviti (superinfezione da candida).
Effetti indesiderati rari:
  • riduzione (anomala) del numero di globuli rossi o del pigmento del sangue/emoglobina, riduzione (anomala) dei globuli rossi dovuta a degradazione prematura (anemia emolitica), comparsa di lividi con piccole chiazze (porpora), sanguinamento del naso (epistassi) e prolungamento del tempo di sanguinamento, aumento (anomalo) di un tipo specifico di globuli bianchi (eosinofilia);
  • reazione allergica grave (reazione anafilattica/anafilattoide, incluso shock);
  • pelle arrossata con vampate di calore;
  • una certa forma di infezione del colon, dolore addominale;
  • infiammazione del fegato (epatite), aumento del prodotto di degradazione dei pigmenti del sangue (bilirubina), aumento di certi enzimi del sangue (aumento della fosfatasi alcalina nel sangue, aumento della gammaglutamiltransferasi);
  • reazioni cutanee con rossore e formazione di lesioni sulla pelle (esantema, eritema multiforme), reazioni cutanee con formazione di vesciche (dermatite bollosa);
  • dolore alle articolazioni e ai muscoli;
  • scarsa funzionalità dei reni e problemi renali;
  • brividi di freddo/rigidità;
Effetti indesiderati molto rari:
  • grave riduzione dei globuli bianchi granulari (agranulocitosi), grave riduzione dei globuli rossi, dei globuli bianchi e delle piastrine (pancitopenia);
  •  prolungamento del tempo di formazione dei coaguli del sangue (prolungamento del tempo di tromboplastina parziale, prolungamento del tempo di protrombina), test di laboratorio anomalo (positività al test di Coombs diretto), aumento delle piastrine (trombocitemia);
  • riduzione del potassio nel sangue (ipokaliemia), riduzione dello zucchero nel sangue (glucosio), riduzione della proteina albumina nel sangue, riduzione delle proteine totali nel sangue;
  • distacco dello strato superiore della pelle su tutto il corpo (necrolisi epidermica tossica), grave reazione allergica estesa su tutto il corpo con rash sulla pelle e sulle mucose e varie eruzioni cutanee (sindrome di Stevens-Johnson);
  • aumento dell’azotemia.

La terapia con piperacillina è stata associata a una maggiore incidenza di febbre e rash in pazienti affetti da fibrosi cistica.

Gravidanza e allattamento.

Se è in corso una gravidanza, se sospetta o sta pianificando una gravidanza, o se sta allattando con latte materno chieda consiglio al medico o all’operatore sanitario prima di prendere questo medicinale.

Il medico deciderà se Tazocin è adatto a lei.

La piperacillina e il tazobactam possono passare al bambino nell’utero o attraverso il latte materno.

3 COMMENTS

Comments are closed.