#Segnalachidorme: siete solo degli Infermieri frustrati. Medico punta il dito contro AssoCareNews.it.

Evidente il nervosismo di alcuni Medici nei confronti della nostra redazione. Noi continueremo a segnalare.

Sono tanti i Medici che si sentono sotto accusa e vogliono linciarci per l’iniziativa #Segnalachidorme. Molti di loro sono stati richiamati dalle aziende sanitarie, dopo le nostre segnalazioni. C’è chi si arrampica agli specchi parlando di una campagna denigratoria, chi al contrario ricorda che anche all’università gli hanno spiegato che i Medici hanno il “diritto” di dormire perché vegliano sulla salute dei cittadini. Come se Infermieri, Infermieri Pediatrici, Ostetriche/i, Tecnici Sanitari e Professionisti Sanitari di altre discipline non lo facciano. Ecco la missiva delirante del dott. Giuseppe Di Donna (purtroppo in Italia ci sono 3 omonimi e non sappiamo chi dei 3 sia a scriverci).

Ecco la breve (ma chiara) missiva del dott. Giuseppe Di Donna.

Se tutta questa frustrazione diventasse impegno, sareste un gradino più in alto di tutti, senza il bisogno di fare questo.
Di iniziative buone ce ne sarebbero molte, il tempo da perdere non vi manca, tentate di nuovo, al prossimo articolo sarete più fortunati magari.

Giuseppe Di Donna, Medico-Chirurgo.

* * *

Egr.dott. Di Donna,

capiamo il Suo astio, ma allo stesso modo non capiamo il perché delle sue offese gratuite. Non siamo affatto frustrati, stiamo combattendo per i diritti di tutti i professionisti sanitari, tenendo sempre in mentre che il fine ultimo è quello di tutelare il Cittadino e il Paziente. Se la nostra iniziativa, #Segnalachidorme, fosse stata di così poco conto Lei non avrebbe perso tempo a scriverci. Da stanotte in poi provi a non dormire nella sua Unità Operativa e a stare al fianco di Infermieri, Oss e Professionisti Sanitari che continuano imperterriti a garantire l’assistenza e a segnalare le emergenze. Buon lavoro.

Angelo Riky Del Vecchio, Direttore quotidiano sanitario AssoCareNews.it

Potrebbe interessarti...