histats.com

Tracheostomia e aspirazione tracheobronchiale: la procedura standard.

Tracheostomia e aspirazione tracheobronchiale: la procedura standard.

Cos’è l’aspirazione tracheobronchiale e perché è importante eseguirla correttamente e nel momento opportuno? Ecco procedura per Medici, Infermieri e OSS (solo in supporto ai Sanitari per la preparazione e lo smaltimento del materiale utilizzato).

L’aspirazione tracheobronchiale, che può essere fatta esclusivamente da personale sanitario (Medici e Infermieri, con il supporto degli Operatori Socio Sanitari che possono adiuvare a preparare e smaltire il materiale occorrente) consente la rimozione delle secrezioni presenti all’interno dell’albero bronchiale, per mezzo di una fonte aspirante e di un sondino inserito nelle vie aeree tramite:

  • una via naturale (bocca naso);
  • una via artificiale (stoma – protesi respiratoria).

Vediamo nel dettaglio una delle procedure adottate dalle aziende sanitarie, in questo caso quella dell’ASM di Matera (Regione Basilicata).

Obiettivi della manovra:

  • aumentare la ventilazione respiratoria;
  • diminuire la frequenza respiratoria;
  • aumentare l’ossigenazione tissutale;
  • mantenere pervie le vie aeree rimuovendo secrezioni e/o materiale estraneo;
  • prevenire gli effetti collaterali, in particolare delle infezioni favorite dal ristagno di secrezioni.

Campo di applicazione.

I soggetti sottoposti a broncoaspirazione sono:

    • pazienti che non sono in grado autonomamente di espellere in modo efficace le loro secrezioni;
    • pazienti intubati o tracheostomizzati, perché le vie aeree sono isolate dalla via digerente e quindi non possono deglutire le loro secrezioni.

Definizione e terminologia.

Tracheotomia.

Apertura temporanea della parete tracheale e della cute,con comunicazione tra la trachea cervicale e l’ambiente esterno, che consente un passaggio di aria atto a garantire una efficace respirazione. Il mantenimento del tramite richiede l’utilizzo di una cannula tracheale che evita il collasso dei tessuti molli.

Tracheostomia.

Creazione di un’ apertura permanente della trachea, tramite abboccamento della breccia tracheale alla cute cervicale con conseguente contatto diretto tra lume tracheale e ambiente esterno.

Cannula Tracheale.

La cannula tracheale nasce come dispositivo indispensabile al fine di:

  • mantenere pervia la tracheotomia, consentendo un regolare flusso d’aria;
  • gestire una ventilazione a pressione positiva costante;
  • fornire una specifica via di ventilazione in pazienti con ostruzione delle vie aeree superiori;
  • proteggere le vie aeree dal rischio di inalazione;
  • assicurare un accesso alle basse vie aeree per rimuovere le secrezioni.

Controcannula.

Viene inserita all’interno della cannula vera e propria dopo il suo posizionamento. Serve a mantenere pulita la cannula interna. Dotata di raccordo universale15 mm che permette la connessione a dispositivi ventilatori.

Materiale occorrente.

      •  aspiratore centralizzato o portatile con relativo tubo di connessione;
      •  sondino per aspirazione monouso, sterile, di calibro idoneo (ch 12/14);
      •  contenitore con soluzione sterile salina per il lavaggio del circuito di aspirazione;
      •  flussimetro e kit per la somministrazione di O2;
      •  telino sterile e telino monouso;
      •  guanti (sterili) monouso;
      •  garze10x10cm;
      • reniforme (monouso o sterilizzatile).

La tecnica eseguita in modo asettico deve essere considerata una componente essenziale nell’esecuzione della procedura di broncoaspirazione, nonostante non siano stati fatti molti studi in merito a questo argomento. Se si effettua l’aspirazione tracheobronchiale con sistema a circuito aperto, il sondino di aspirazione deve essere sterile e monouso. Non ci sono sufficienti studi che raccomandino l’utilizzo di guanti sterili o puliti: la raccomandazione generale è che la tecnica debba essere asettica.

Operatori necessari:

      • 1 Infermiere;
      • 1 OSS (se necessario per preparare materiale) e adiuvare l’Infermiere.

Come va preparato il Paziente?

      • accertarsi della necessità di aspirare il paziente osservandone i segni vitali ed eseguendo le seguenti valutazioni:
        • Valutazione uditiva: ascoltando il rumore del respiro che diventa rantoloso, in presenza di abbondanti secrezioni;
        • Valutazione visiva: osservando il respiro se c’è alterazioni della frequenza respiratoria, dispnea, agitazione, tachicardia, scialorrea, alterazioni della meccanica ventilatoria, colorito cianotico, tosse, respiro superficiale.
        • Valutazione tattile: appoggiando il palmo della mano sul torace del paziente si percepiranno delle vibrazioni; questo fremito tattile è dovuto al passaggio d’aria attraverso le secrezioni.
        • Auscultazione: è possibile valutare la presenza di secrezioni, identificando anche il campo polmonare nel quale sono maggiormente presenti.
  • determinare il grado di collaborazione dell’Assistito;
  • informare il Paziente, valutando il livello di coscienza, e fornirgli indicazioni dettagliate sulle finalità e sulle modalità di esecuzione, al fine di ottenere maggiore collaborazione e rendere meno sgradevole la manovra; informare infine della eventuale tosse intermittente che può essere provocata dalla aspirazione e della necessità della stessa per la rimozione delle secrezioni;
  • iperossigenare il paziente per almeno un minuto, prima di eseguire la manovra e dopo averla eseguita per un altro minuto, per evitare l’ipossiemia correlata all’aspirazione tracheo-bronchiale e favorire la mobilizzazione delle secrezioni;
  • accertarsi che l’ambiente sia adeguatamente umidificato.

Modalità Operative.

Azione

Motivazione.

Accertare la necessità della aspirazione tracheo-bronchiale eseguendo la valutazione del paziente

Evitare aspirazioni tracheo-bronchiali inutli

Posizionare il paziente semiseduto se possibile o in decubito supino

Favorire il drenaggio delle secrezioni

page6image6839232

Lavarsi le mani

Evitare infezioni crociate

Indossare i dispositivi di protezione (mascherina, guanti monouso)

page6image7177920

Protezione per l’operatore

Azionare l’aspiratore regolato ad un’aspirazione massima di 120 mmhg

Evitare lesioni della mucosa tracheo- bronchiale, possibili a seguito di pressioni aspirative elevate

Aprire la confezione del sondino, sfilarlo e connetterlo all’aspiratore evitando contaminazioni

Evitare il trasporto di germi all’interno delle vie aeree

Introdurre delicatamente il sondino nella cannula tracheotomia, con l’aspirazione non attiva, fino a che non si incontrano resistenze

page6image7209344

Aspirare le secrezioni partendo dalle vie aeree più basse alle più alte; non procurare traumatismi alla mucosa bronchiale

Attivare l’aspiratore e ritirare il sondino con movimenti rotatori ed aspirando ad intermittenza per non più di 10 secondi

page6image8947952

Minimizzare i traumatismi alla mucosa bronchiale; impedire l’insorgenza dell’ipossiemia

Pulire all’esterno il sondino con garze e lavarlo aspirando acqua sterile

Permette la rimozione di secrezioni all’interno del sondino di aspirazione

Ripetere la valutazione del paziente

Valutare l’efficacia della manovra eseguita o la necessità di ripeterla

Inoltre:

Ripetere se necessario la manovra di aspirazione lasciandolo riposare tra una aspirazione e l’altra

page7image25906688

Inefficacia della precedente manovra, secrezioni abbondanti

Chiudere il sistema di aspirazione

Assicurare il giusto funzionamento

Risistemare il paziente in una posizione comoda e confortevole, valutando le condizioni, osservando la respirazione e il colore della cute

Prevenire le complicanze ed assicurare il comfort

page7image7330752

Staccare il sondino dal tubo di aspirazione tenendolo con la mano protetta dal guanto, con l’altra mano afferrare il risvolto del guanto, ripiegarlo su se stesso e sfilare il guanto così rovesciato ponendo all’interno il sondino

Evitare contaminazioni

Eliminare il materiale utilizzato

page7image7304704

Evitare contaminazioni

Eseguire la pulizia della controcannula e reinserirla nella cannula esterna del paziente

Eliminare eventuali residui di secrezioni

Osservare e riportare nella documentazione infermieristica: la quantità, il colore, l’odore e la consistenza delle secrezioni aspirate

Registrare la manovra eseguita ed assicurare un continuo assistenziale

Riordinare il materiale usato

Ottimizzare il lavoro

Reintegrare la soluzione sterile e le attrezzature in modo che la aspirazione sia pronta per essere ripetuta.

Ottimizzare il lavoro

Bibliografia

Fabbri Agnese, Roveri Sonia

Gestione della tracheotomia nei pazienti in ventilazione spontanea che necessitano di aspirazione tracheo-bronchiale

1999

page3image3254592336

AA. VV.

Gestione ed assistenza del paziente cannulato (sottoposto a laringectomia o a tracheotomia) in una realtà domiciliare

2003

Daniela Mosci

page3image3254742272

L’aspirazione tracheale degli adulti con via respiratoria artificiale

2000

Claudio Spairani, Tiziana Lavalle

page3image3254758272

Procedure protocolli e linee guida di assistenza infermieristica

2001

AA. VV.
University of Kentucky Health Information Library

Home Tracheostomy Care

2003

Santini Marco, Taddeo Francesca E.O. Ospedali Galleria Genova

Protocollo gestione della cannula tracheotomia

2007

AA.VV. Dossier InFad

Aspirazione tracheo-bronchiale

2007

Associazione Aiol L. Zanovello, C. Ruffo, P. Frattini, G. Lonardi

Protocollo di: Aspirazione Tracheobronchiale

2008

Avatar

Redazione AssoCareNews.it

Redazione di AssoCareNews.it

© 2019-2020 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2019 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Bologna.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Giulia De Francesco, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Giovanni Maria Scupola, Ivan Santoro, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Emilia Romagna: Viale Spadolini, 13 – Ravenna – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: