Elezioni Europee 2019: Diaz Crescitelli, un infermiere per cambiare l’europa!

Diaz: un'infermiere al parlamento europeo

Il 26 Maggio i cittadini italiani alle urne per le elezioni europee: vota un collega!

Elezioni 2019: intervista a Matias Eduardo Diaz Crescitelli, un infermiere per il Parlamento Europeo!

Per professione ti prendi cura delle persone: come nasce l’idea di prenderti cura della tua comunità?

Il prendersi cura è insito nelle nostre professioni, ed è tutto ciò di cui i cittadini hanno bisogno. In Europa abbiamo bisogno più che mai di rappresentanti preparati e competenti,  che sappiano implementare le migliori pratiche a livello internazionale per migliorare la loro qualità della vita, tutelando allo stesso tempo la biodiversità.

Il mio modo di fare politica è orginale, creativo e molto radicato sul territorio e sulle tematiche che gli stessi cittadini hanno a cuore. Le mie stelle guida sono la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani e l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile, con i suoi 17 obiettivi.

Sono una persona che di fronte alle nuove sfide che presenta questo pianeta, riesce a pensare e creare strategie politiche innovative, in grado di permettere ai cittadini di essere incisivi nel rivolgersi alle istituzioni, soprattutto per quanto riguarda l’Europa.

Quali sono le principali battaglie che intendi sostenere se sarai eletto?

Quest’Europa va cambiata, si è allontanata dai cittadini, ha lasciato indietro i più deboli, dimenticando il suo mandato principale. Per cui mi batterò per rafforzare i poteri del Parlamento europeo, il quale al momento risulta essere antidemocratico e superato. Pensate che un parlamentare europeo non possiede diritto di iniziativa legislativa, in sintesi, che non può presentare “proposte di normative”. Abbiamo bisogno di una rivoluzione, abbiamo bisogno di poter portare le nostre istanze all’interno del Parlamento europeo, smettendo di subire le imposizioni della Commissione Europea e del Consiglio d’Europa.

I miei campi di azione sono la Sanità, la tutela dell’Ambiente, la tutela dei Diritti Umani e il mondo dell’Università e della Ricerca.

Una delle battaglie che voglio portare in Europa è quella che riguarda lo staffing del personale sanitario, ossia del numero di professionisti e operatori della salute necessari per garantire il diritto alla salute a tutti i cittadini nei diversi contesti terapeutico-assistenziali, cioè, del rapporto professionisti/persone assistite nei contesti di cura. E’ una battaglia che trova il suo spazio di manovra nel Art. 168 del Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea (TFUE) e che si basa su evidenze scientifiche a livello internazionale, con studi condotti anche in Italia. In effetti, per quanto riguarda l’assistenza infermieristica, la letteratura internazionale (RN4CAST) indica come ideale un rapporto infermiere/persona assistita nei reparti ospedalieri di 1 a 6. Gli studi dimostrano che un aumento di questo rapporto, aggiungendo una persona assistita a ogni infermiere (1 a 7) aumenti del 6% la mortalità e del 23% le cure mancate. Purtroppo in Italia lo “staffing” rilevato, evidenzia un rapporto infermiere/assistito di 1 a 9,54, con un range variabile dallo 7,08 al massimo di 13,65.

Altro argomento del quale intendo occuparmi, è quello del miglioramento delle condizioni salariali dei lavoratori del settore della Sanità, in quanto essi lavorano ogni giorno e a tutte le ore, per garantire a tutti i cittadini il diritto a essere presi in cura.

Sono convinto che per garantire il diritto alla salute, sia necessario ripensare la sanità, partendo dalle esigenze dei territori, dei cittadini, dei lavoratori, intervenendo anche a livello europeo, per fare in modo che i diritti umani vengano garantiti a tutti, inesorabilmente.

Vuoi rivolgere un invito ai tuoi concittadini e ai tuoi colleghi nel sostenerti con il voto?

Il mio appello intanto è rivolto a tutti, nella speranza che in queste importantissime elezioni europee, si vada a votare per contrastare il voto di scambio politico-mafioso, a prescindere dalla scelta di ognuno di noi, perché è nostro dovere contrastare la mafia in ogni sua forma di espressione.

 

Elezioni 2019:

leggi lo speciale AssoCareNews.it con tutti gli Infermieri, OSS e Professionisti Sanitari candidati in alle Europee, Regionali e Comunali!

Potrebbe interessarti...