histats.com
mercoledì, Luglio 28, 2021
Pubblicità
HomeInfermieriInfermieri del 118: "qui ci trattano da schiavi, ora basta". Proteste a...

Infermieri del 118: “qui ci trattano da schiavi, ora basta”. Proteste a Salerno e provincia.

Con una missiva inviata agli organi di informazione gli Infermieri del 118 di Salerno e provincia lamentano demansionamento e sfruttamento lavorativo. Occorre centralizzare il Servizio, via le terze parti!

Riceviamo e pubblichiamo una nota di alcuni Infermieri precari del Servizio 118 di Salerno e provincia in cui si denuncia lo stato disastroso in cui sono costretti a lavorare. E ciò a rischio della salute stessa degli operatori e degli assistiti. La missiva è molto chiara e fa il punto sulla situazione di demansionamento e di sfruttamento del personale infermieristico. Quello che avviene sotto gli occhi di tutti non viene notato dalle istituzioni.

Carissimo Direttore di AssoCareNews.it,

nel corso di questi mesi e questi giorni, abbiamo portato alla luce varie vicende che ci vedono coinvolti, ma a quanto pare la questione che sta venendo alla luce portata avanti da alcune parti interessa a pochi. Nel corso di questi mesi ci siamo battuti e ci stiamo battendo per una questione molto importante: i nostri diritti, sì i diritti e tutela che ogni professionista e ogni lavoratore merita.

Ancora oggi ci ritroviamo senza nessuno che ci aiuti realmente ad affrontare la questione indicata cioè: la centralizzazione della professione infermieristica 118 in capo alle Aziende sanitarie senza alcun intermediario. Gli infermieri che operano sulle ambulanze 118 sono costretti a turni indecenti massacranti, senza alcun assicurazione, senza alcun contratto, senza alcuna tutela (rischi,malattia) e soprattutto sfruttati per pochi euro e costretti a rimanere in silenzio a sopportare ogni tipo di sfruttamento per mantenersi il posto. Come già segnalato da tanti infermieri i quale si trovano a fronteggiare situazioni di vera e propria criticità e soprattutto la classe infermieristica non è diretta dalle aziende sanitarie ma bensì da associazioni le quali non curano gli interessi dei professionisti! Sono tanti i professionisti infermieri ad operare sulle ambulanze che ricoprono il territorio e sono tanti che ancora vengono inquadrati da volontari e non da professionisti…

Eh si vengono trattati da professionisti solo quando è il momento di assumersi le responsabilità oppure quando si trovano davanti ai giudici che non inquadra l’ operatore da volontario ma da vero e proprio professionista,gli infermieri 118 operanti sulle ambulanze hanno solo responsabilità senza che nessuno gli riconosca niente.

Ancora una volta ripetiamo che il servizio infermieristico sulle ambulanze deve fare a capo alle Aziende Sanitarie senza terze parti per garantire così diritti tutela e dignità alla professione infermieristica, le associazioni che si occupano del trasporto infermi 118 non garantiscono e non possono garantire i canoni giusti per la professione infermieristica la quale negli anni è stata ridimensionata e calpestata in tutti i sensi ma purtroppo nessuno interviene!

Sono state trovate e proposte varie soluzioni per il reclutamento della stessa la quale deve far capo e deve essere gestita direttamente dalle Aziende ospedalieri per garantire i diritti la tutela ma soprattutto l’ efficacia del servizio salvavita svolto sul territorio,senza alcun tipo di sfruttamento e senza che nessuno possa approfittarsi di essa come sta succedendo da tempo.

E’ ora di cambiare le cose e di riconoscere la figura degli infermieri 118.

Infermieri 118 Salerno e provincia

Redazione AssoCareNews.it
Redazione di AssoCareNews.it
RELATED ARTICLES

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394