Concorso Infermieri Bologna. Maria: “lavoro nel privato, mi impediscono di fare i concorsi sennò mi licenziano”.

Quanti datori di lavoro se ne approfittano!

Riceviamo e pubblichiamo una missiva di una collega Infermiera che denuncia l’impossibilità di partecipare al Concorso Infermieri di Bologna. La sua azienda glielo impedisce, pena il licenziamento.

Carissimo Direttore di AssoCareNews.it,

Le scrivo perché seguo il suo giornale da un po di tempo e vedo che date spazio alle esigenze reali degli Infermieri e degli altri professionisti sanitari. Non so a chi rivolgermi e non sono come uscirne fuori. Voglio iscrivermi al Concorso Infermieri di Bologna ma ho paura di essere licenziata dall’azienda privata in cui lavoro. Se scoprono che vi partecipo mi mandano direttamente a casa e senza nemmeno troppe spiegazioni.

Me lo ha detto chiaramente la Coordinatrice Infermieristica, che però si fa chiamare Caposala, in una riunione con la direzione aziendale. Anzi direi che ce l’hanno detto, visto che eravamo presenti in 7 all’appuntamento. Loro sono stanti piuttosto chiari: “se solo sappiamo che vi siete iscritti al Concorso di Bologna o a qualsivoglia altro Concorso ritenetevi già a casa l’indomani”.

La loro motivazione è che se ci iscriviamo o mi iscrivo viene meno la fiducia nei confronti dell’azienda e pertanto chi lo fa viene ritenuto non più idoneo a lavorarci.

Sembra un incubo. Sono e siamo dipendenti di una società di lavoro interinate a tempo indeterminato, ma nella casa di riposo dove lavoro ci rinnovano i contratti mensilmente. Sicuramente lo fanno per tenerci legati. Non si respira aria buona e non vi dico come si lavora nella struttura.

Tuttavia voglio partecipare al Concorso e voglio chiederLe se è possibile chiedere alla commissione di nascondere il mio nominativo in modo che non emerga tra quelli ammessi alla selezione.

La ringrazio per la pazienza e le auguro buon lavoro.

Maria, Infermiera

* * *

Carissima Maria,

ci sembra di vivere una storia già vissuta. Non è possibile chiedere alla commissione di nascondere il Suo nominativo dall’elenco degli ammessi. Pertanto Le consigliamo di fare un gesto di coraggio: si iscriva al Concorso e abbandoni quella casa di riposo denunciando tutto al suo Ordine Infermieristico. Restiamo a disposizione per qualsivoglia altro quesito.

Buon lavoro e soprattutto buon concorso.

Angelo Riky Del Vecchio, direttore quotidiano sanitario AssoCareNews.it

Potrebbe interessarti...