Un padre si tatua una finta cicatrice come quella del suo piccolo, operato all’aorta.

La loro foto ha fatto il giro del Pianeta. E ora toccherà al piccolo fratellino operarsi. La storia di Joey Watts e di un coraggioso papà.

La foto è commovente e parla da sola: un padre affettuoso stringe a sé il suo bimbo di sei anni, che ha appena subìto una pesante operazione chirurgica al petto, per una stenosi aortica. Il piccolo ha un lungo cerotto che copre la lunga cicatrice, ma suo padre ha un’uguale cicatrice all’altezza dello sterno: ha voluto infatti farsi realizzare un tatuaggio che corrisponde esattamente alla cicatrice della chirurgia cardiaca di suo figlio. Ne dà notizia il Corriere della Sera.Il tatuaggio del papà riproduce perfettamente, con grande realismo, la doppia cicatrice (un lungo taglio verticale, seguito sotto da uno orizzontale) riportata dal bimbo nell’operazione. Ed è così «vera» che pare ancora sanguinare. Un gesto di identità e di vicinanza che vale più di mille parole, che comunica a un bambino – e al resto del mondo – tutto l’amore con il quale un padre segue le vicende della sua salute.

Anche il fratello dovrà operarsi…

Il mese scorso il piccolo Joey Watts, residente a Hull, una cittadina nella regione dello Yorkshire a un’ora di treno da Leeds, è stato sopposto a una delicata operazione per allargare un importante vaso sanguigno, l’aorta: l’intervento lo ha lasciato con una cicatrice di quasi 16 centimetri che gli scorre sul petto.

Suo padre, Martin, ha deciso di tatuarsene una copia, in modo che Joey non abbia nulla di cui essere timoroso quando si esporrà in costume. Anche il fratello minore di Joey, Harley, la cui età non è stata resa nota, ha purtroppo lo stesso difetto cardiaco, denominato stenosi aortica sopravalvolare. La vicenda ha colpito i media britannici ed è stata ripresa da Bbc, Daily Mail, People.

Leggi il resto del servizio cliccando qui: LINK.

Potrebbe interessarti...