histats.com
sabato, Luglio 31, 2021
Pubblicità
HomeInfermieriMatteo, Infermiere: "mi hanno minacciato di non mettermi in infortunio, io mi...

Matteo, Infermiere: “mi hanno minacciato di non mettermi in infortunio, io mi sono licenziato”.

Matteo N., infermiere: “sono caduto sul lavoro, la mia azienda mi ha minacciato di licenziarmi nel caso in cui avessi richiesto l’infortunio; ho preferito licenziarmi”.

Carissimo Direttore di AssoCareNews. It,

mi chiamo Matteo e ho 29 anni. Faccio l’Infermiere da 6 anni e vi scrivo per raccontarvi cosa mi è accaduto durante la mia prima esperienza lavorativa in una RSA privata. Mi sono licenziato perché mi hanno fatto schifo e non mi hanno permesso di mettermi in infortunio.

Ecco come mi è accaduto in sintesi. Ero al lavoro e mentre stavo somministrando della terapia ad un paziente sono scivolato cascando a terra. L’ospite poco prima aveva rovesciato in bicchiere a terra e nessuno aveva provveduto ad asciugare il pavimento.

La botta è stata fortissima. Ho sentito subito un brutto dolore alla schiena e all’osso sacro.

Ho scritto tutto sulla cartella clinica informatizzata e mi sono recato presso il locale Pronto Soccorso, come prevede la procedura.

Appena giunto in Ospedale ho ricevuto la chiamata del mio ormai sx-direttore di struttura. “Se ti fai mettere in infortunio ti licenzio in tronco” – sono state le sue parole.

Non lo ho ascoltato, mi sono messo in infortunio e la sera stessa ho inviato una PEC in RSA con cui annunciato le mie irrinunciabili dimissioni.

Non è possibile trattare così dei professionisti, si devono solo vergognare.

Non cito la struttura perché ci lavora mia moglie e ci lavorano anche dei miei cari amici, ma vi assicuro che trattavano noi Infermieri come dei sempliciotti.

Che Italia da schifo!

Matteo N., Infermiere

Redazione AssoCareNews.it
Redazione di AssoCareNews.it
RELATED ARTICLES

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394