histats.com
lunedì, Dicembre 6, 2021
Pubblicità
HomePrimo PianoStoria della MedicinaScoperto il primo antibiotico nel 1928 grazie a Fleming.

Scoperto il primo antibiotico nel 1928 grazie a Fleming.

La Penicillina è il primo antibiotico scoperto nella storia merito di Alexander Fleming.

La rivoluzione nella battaglia contro i batteri partì dall’Inghilterra degli anni ’20 dove un biologo che aveva già isolato un enzima dalle lacrime capace di bloccare lo sviluppo di alcuni batteri. La scoperta del primo antibiotico cambiò le sorti della medicina grazie ad un medico scozzese che per sbaglio lasciò delle colture a crescere.

Stava studiando lo Stafilococco aureus, quando lo scozzese Alexander Fleming isolò una muffa alla quale diede il nome di peniciullium , ovvero a forma di pennello. La scoperta come molte nella storia fu del tutto casuale; Fleming infatti era partito per un viaggio e aveva dimenticato di smaltire delle colture fatte crescere su delle piastre. All’epoca stava studiando lo Stafilococco aureus presumendo che fosse l’agente patogeno che causasse l’influenza. Era del tutto “fuori strada” Fleming dal momento che si scoprì poi che l’influenza ha eziopatogenesi virale.

In uno scritto raccontò che al ritorno dal viaggio era davvero stupito di aver lasciato delle colture nel proprio laboratorio e che se fosse stato di cattivo umore avrebbe gettato tutto. Per fortuna non lo fece e osservando le muffe sviluppatesi dalla coltura di Stafilococco aureus scoprì l’antecedente della penicillina. Per arrivare infatti alla produzione della penicillina su scala industriale si dovettero aspettare alcuni anni. Dopo quasi una decade i ricercatori Ernst Boris Chain e Howard Walter Florey riuscirono a dare inizio alla prima produzione su scala dell’antibiotico che nella Seconda Guerra mondiale salvò milioni di vite umane. Da allora fu diffusa non solo ai militari ma anche ai comuni cittadini.

Questa scoperta dopo quasi un secolo oggi è del tutto superata. Si pensi all’antibiotico resistenza: in meno di un secolo abusando di tale scoperta siamo dovuti ricorrere a nuove ricerche. Il secolo scorso ha visto le forme tumorali come “spada di Damocle”, ma in questo secolo vi sarà l’avvento di “batteri killer” contro i quali al momento non abbiamo cura.

Dott.ssa Giulia De Francesco
Infermiera, classe 1994. Vive a Imola e lavora presso l’AUSL Romagna (Faenza); studia a Bologna per conseguire la laurea magistrale. Laurea in infermieristica con Lode presso l'Università di Bologna, I sessione (ottobre 2016). Master in funzioni di coordinamento con Lode presso l'Università di Modena e Reggio Emilia, I sessione (novembre 2018). Una pubblicazione scientifica sulla rivista italiana ANIPIO "Sperimentazione di una check-list per implementare un Bundle per la prevenzione delle batteriemie correlate a Catetere Venoso Centrale" (ottobre 2017). Ama leggere e camminare, non datele un microfono perché improvvisa un karaoke ovunque.
RELATED ARTICLES

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394