Registro Nazionale OSS: il Migep ne chiede ufficialmente l’istituzione

Registro Nazionale OSS: il Migep ne chiede ufficialmente l'istituzione.
Registro Nazionale OSS: il Migep ne chiede ufficialmente l'istituzione.

Egregio Direttore di AssoCareNews.it

la categoria degli OSS, con tutto l’impegno nel far emergere la propria professione, si rende conto che viene inascoltata. Oggi gli Operatori Socio Sanitari, attraverso iniziativa “Manda una mail al ministro della Salute e al ministro del Lavoro“, che sta riscuotendo molto successo, vengono chiamati a dare forza all’emendamento presentato dalla senatrice Barbara Guidolin per l’applicazione dell’Area Socio Sanitaria e di un Registro nazionale degli Oss (in pratica un Albo riconosciuto dallo Stato).

La Legge 3/18, come la 502/92, non sono bastate a riconoscere l’OSS come professione nel contratto collettivo nazionale di lavoro (CCNL) e ancora qualcuno si ostina a volerci ignorare. Oggi viene fatta chiusura anche sull’emendamento presentato dalla senatrice.

Angelo Minghetti, Migep.
Angelo Minghetti, Migep.

 

Come federazione Migep e sindacato Shc Oss stiamo lavorando a trovare una soluzione affinché tutti, diciamo tutti, nessuno escluso, possano acquisire l’area socio sanitaria e il Registro nazionale Oss, perché non devono essere 28 contratti o i sindacati a stabilire se applicare o meno l’area socio sanitaria alle figure citate di cui all’art.5 della Legge 3/18. Un passaggio che sarà transazionale per tutto il  sistema salute e i suoi attori.

Il nostro appello va a tutti gli OSS perché aderiscano all’iniziativa 

E’ per questo che facciamo appello tramite questa iniziativa inviando una mail al “Manda una mail al ministro della Salute e al ministro del Lavoro“, indirizzata al ministro Giulia Grillo e al ministro Luigi Di Maio. Grazie anticipate per lo spazio che ci accorderete.

Federazione MIGEP

Minghetti Angelo

* * *

Lettera da inviare agli indirizzi:  e segreteriaministro@pec.lavoro.gov.it.

EGREGI MINISTRI

APPROVATE L’EMENDAMENTO DELLA SENATRICE GUIDOLIN M5S SULL’AREA SOCIO SANITARIA E SUL REGISTRO NAZIONALE OSS

Gentilissimi, MI CHIAMO ________ qualifica Oss.

In Italia lavorano come operatori socio-sanitari circa 200.000 persone, siamo davvero tanti.

A seguito della Legge Lorenzin saremo dovuti entrare a far parte delle professioni socio  sanitarie, così, infatti, recita l’art. 5 della citata legge.

Nonostante questo, ad oggi, tutti noi operatori socio-sanitari restiamo ancora inquadrati nel ruolo tecnico, questo c’è stato detto in sede di contrattazione collettiva, spiegandoci che tale ruolo è previsto dalla legge 833/1978.

Tutto ciò è profondamente ingiusto! Siamo il fanalino di coda dell’Europa in quanto a formazione e riconoscimento.

Sappiamo che sempre più spesso (in particolare nelle RSA, nelle RA, nelle Case Famiglia – ed in generale nelle strutture sanitarie pubbliche e private) all’OSS viene richiesto di effettuare ECG, punture intramuscolo, sostituzione e sorveglianza di Flebo, somministrazione della terapia, insuline, ed altro. In sostanza, ci vengono attribuite competenze che sulla carta sono riservate esclusivamente agli infermieri. Per questo diventa essenziale per noi entrare nell’area socio-sanitaria, con la conseguente definizione delle nostre precise competenze, e, possibilità di ricevere costante formazione. Aspettiamo questo da 18 anni!

Ci appelliamo a Voi affinché l’emendamento presentato dalla Senatrice Barbara Guidolin, venga accolto. Sappiamo che tale emendamento prevede l’ingresso nella legge 833/1978 anche del nuovo ruolo socio-sanitario, che oltre ad includere noi OSS si rivolge anche all’assistente sociale, al sociologo e all’educatore professionale.

Un saluto cordiale.

Firma                                                                      

Potrebbe interessarti...