Ponte Morandi Genova, parla infermiere: abitavo accanto al ponte, una disgrazia!

Ivan Santoro è un infermiere, parte della nostra redazione, colpito come tutta Italia dal crollo del Ponte Morandi di Genova. Anzi, forse un pò di più di altri, perchè lui è cresciuto nelle case accanto al ponte!

Profondamente sotto shock, ecco il suo messaggio di reazione alla notizia.

Ore 12, ricevo un messaggio di una cara persona, da poco conosciuta nella mia nuova realtà bergamasca:”Ivan è caduto un ponte a Genova…”, guardo sul cellulare e il ponte in questione è o meglio era il Ponte Morandi, mi si gela il sangue, ho abitato lì 44 anni e nei dintorni (quartiere Campasso zona limitrofa a Via Walter Fillak) ci abitano i miei unici parenti, chiamo tutto ok. Milioni di volte sono passato da quel ponte, l’ultima due settimane fa per salutare amici e parenti. Genova non meritava questa altra spallata, ora non è il momento delle accuse e dei processi, ci sarà il tempo, ora è di stringersi attorno alla mia Sampierdarena da troppo tempo dimenticata. Coraggio Superba risorgi!

Un augurio al quale tutta la redazione di AssoCareNews.it si associa calorosamente.

 

Potrebbe interessarti...