histats.com
mercoledì, Gennaio 26, 2022
HomeOperatori Socio SanitariConcorsi OSSConcorso OSS Pavia: vince selezione ma non viene mai assunta perché ha...

Concorso OSS Pavia: vince selezione ma non viene mai assunta perché ha la Sclerosi Multipla.

Pubblicità

Anche se ha la sclerosi multipla è abile per lavorare. Non è stato dello stesso parere la Dirigenza del Policlinico “San Matteo” di Pavia, che nonostante avesse vinto il concorso pubblico non l’ha mai assunta. Protesta la UIL Fpl.

Per paura che la malattia potesse avere ripercussioni sul lavoro, l’ha sempre nascosta, ma ha sbagliato. L’unica volta in cui ha ammesso di soffrire di sclerosi multipla è stata messa alla porta con una mail. “É mai possibile che un ospedale vada contro un malato? – si domanda C.B., Operatrice Socio Sanitaria trentenne. “Evidentemente sì, perché ora, oltre a lottare contro la malattia, devo combattere anche contro il San Matteo” – chiosa più avanti.

La storia di questa laureata che per trovare un’occupazione ha deciso di conseguire anche una qualifica sanitaria molto richiesta a Pavia, comincia più di un anno fa, quando partecipa a un concorso bandito dall’Azienda servizi alla persona. “Era un concorso per Oss – racconta C.B. – e i primi 26 in graduatoria sarebbero stati assunti al San Matteo con un contratto a tempo indeterminato. Un sogno per me che ho sempre lavorato in diverse strutture con contratti a termine. Ho studiato, ho presentato tutta la documentazione relativa alla mia patologia che da 15 anni è curata al Mondino e mi sono classificata 12esima”. Concorso superato, dunque: il posto era suo. “Mi sono sottoposta a tutti gli accertamenti richiesti e, dopo una verifica delle competenze, mi hanno proposto di essere inserita nel reparto di medicina, o al pronto soccorso. Mi andava benissimo, però quando ho fatto presente che soffro di sclerosi multipla, è tramontato tutto. La soluzione per me doveva essere o uno dei laboratori, o il day hospital. Ancora una volta non ho mosso obiezioni. Peccato che due giorni dopo mi sia arrivata una mail nella quale mi si diceva che non ero idonea a lavorare. A quel punto è cominciata la mia battaglia”.

La donna si è rivolta a Marco Grignani della Uil: “La donna può lavorare. Prima di vincere il concorso era impiegata in una comunità psichiatrica. Si è licenziata nel momento in cui avrebbe dovuto essere assunta al San Matteo”. Per ottenere il posto C.B. ha deciso di fare causa : “Al momento dell’assunzione – sottolinea il suo avviocato, Filippo Zaffarana – avrebbe potuto essere inserita negli ambulatori dove però il Policlinico sostiene non ci siano posti liberi”. Ora, dopo due udienze, il giudice si è riservato di decidere. “Sono passati nove mesi – conclude C.B. – e non vedo la fine di questa vicenda. Quando ero stata assunta, stavo per andare a vivere col mio fidanzato. Ho bloccato tutto e sono ancora a casa con i miei genitori. Percepisco 280 euro di indennità che spendo in farmaci, non mi posso permettere di lasciare la famiglia per costruirmi una vita mia”.

Fonte: Il GiornoAssoCareNews.it

Redazione AssoCareNews.it
Redazione di AssoCareNews.it
RELATED ARTICLES

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394