Infermieri, Oss e Professionisti Sanitari: Mammì annuncia 41.000 assunzioni immediate!
Infermieri, Oss e Professionisti Sanitari: Mammì annuncia 41.000 assunzioni immediate!
Pubblicità

Webinar SIRU- On. Mammì M5S: “Prevenzione e cura delle cause di infertilità, diagnosi pre-impianto e fecondazione eterologa la mia Pdl in linea con la proposta della SIRU”.

L’On, Stefania Mammì (M5S) ha partecipato al Webinar organizzato da S.I.R.U (Società Italiana della Riproduzione Umana) sulla tutela della salute riproduttiva e i percorsi per la riproduzione medicalmente assistita.

La Società Italiana di Riproduzione Umana ha organizzato un ciclo di Webinar rivolto a tutti gli operatori sanitari coinvolti nei procedimenti di PMA (ginecologi, andrologi, biologi, genetisti, psicologi, ostetriche, infermieri, giuristi e bioeticisti), alle associazioni dei pazienti e alle forze politiche rappresentate in Parlamento, per discutere sui contenuti della Proposta di Legge predisposta dalla SIRU e già condivisa da gran parte della comunità degli operatori della medicina e biologia della riproduzione.

On. Mammì: “Ringrazio la SIRU per l’impegno e l’alta professionalità mostrata nella stesura di una articolata e interessante proposta di legge che si propone di superare i limiti intrinseci alla legge n. 40 con interventi radicali e condivisi, specialmente su aspetti come quelli della diagnosi pre-impianto, della fecondazione eterologa e della prevenzione, in linea con quelli che io stessa ho disciplinato nella mia proposta di legge. Opportuno confrontarci su un tema che costituisce uno degli assi portanti della mia produzione legislativa. Lo scorso anno ho presentato come prima firmataria una proposta di legge sul tema della Procreazione medicalmente assistita, proprio con l’intenzione di superare le numerose incongruenze insite nella Legge 40 ed armonizzarne le disposizioni con le pronunce delle autorità giudiziarie. Gli ambiti principali sono: la prevenzione e cura delle cause di infertilità, la diagnosi pre-impianto e la fecondazione eterologa. Per aiutare la prevenzione sarebbe utile prevedere degli screening di base per prevenire l’infertilità, come lo spermiogramma per l’uomo e il tampone vaginale per le donne anche grazie a adeguate campagne di informazione sulla tutela della salute riproduttiva e sessuale rivolte soprattutto ai giovani. All’inizio di questo anno, ho presentato assieme ai colleghi della Commissione Affari Sociali della Camera, una proposta di indagine conoscitiva sulla Procreazione Medicalmente Assistita che auspico possa tornare presto ad essere esaminata e discussa in Commissione. Tra le finalità proposte nell’indagine conoscitiva vorrei evidenziare quella che riguarda la formazione e l’inquadramento professionale degli embriologi clinici, sulla quale ho proposto anche un’ interrogazione ai Ministri Speranza e Manfredi per chiedergli di intervenire per garantire il riconoscimento della qualifica di questa figura professionale, che nonostante la sua rilevanza nell’affiancamento delle scelte cliniche del ginecologo e dell’andrologo, ad oggi si trova ad operare in un quadro di incertezza normativa, svolgendo in deroga alla stessa legge 40 delle attività fondamentali nell’ambito della diagnostica pre-impianto e nella crioconservazione degli embrioni. Ho chiesto che per questa figura venga attivato un apposito corso universitario di specializzazione. Per la tutela del diritto alla salute riproduttiva ho suggerito al Ministero della Salute di svolgere una serie di audizioni delle associazioni e dei massimi esperti in materia di procreazione medicalmente assistita, nonché dello stesso Comitato Nazionale per la Bioetica per esprimere un parere”.