histats.com
venerdì, Aprile 19, 2024
HomeIn evidenzaOPI Puglia bocciano il piano assunzioni della Regione Puglia: "penalizza Infermieri e...

OPI Puglia bocciano il piano assunzioni della Regione Puglia: “penalizza Infermieri e Pazienti”.

Pubblicità

Piano di assunzioni nella sanità pugliese: Tutto qui? Nessuna possibilità di “mettere a norma” il SSR della Puglia.

I numeri e i conti non tornano – il commento dei Presidenti Ordini delle professioni Infermieristiche della Puglia cui sono iscritti 33.500 Infermieri e Infermieri pediatrici, sulla possibilità che i piani autorizzativi di reclutamento del personale sanitario possano determinare una inversione di tendenza su tutte le criticità che il SSR pugliese evidenzia, prime tra tutte, il recupero delle liste di attesa.

Pochissime le risorse destinate a “nuove” assunzioni per lo più vincolate alle quiescenze e ad un rigido regime di controllo della spesa. Le “stabilizzazioni autorizzate” nei Piani (dovute in forza di legge), invero, non determinano aumenti del numero di personale nelle dotazioni organiche delle aziende sanitarie stabilite dal calcolo del fabbisogno. Insomma – chiosano i Presidenti degli OPI pugliesi – i Piani deliberati dalla GR non rispondono alla necessità di mettere il SSR a “norma” superando le attuali criticità che impediscono di garantire i prescritti protocolli di sicurezza delle cure ai cittadini.

È a tutti noto che gli Infermieri in forza nelle Aziende Sanitarie pugliesi, sono in numero ridotto rispetto agli standard minimi di legge, (tra l’altro, nemmeno affiancati da un numero sufficiente di Operatori Socio Sanitari) e conseguentemente per rispondere ai bisogni dei cittadini sono assoggettati a volumi prestazionali che determinano condizioni di lavoro inaccettabili e insostenibili. Insomma – tuonano gli OPI pugliesi – è un piano assunzionale che, dati i numeri e gli obiettivi che millanta, “pretende” dal personale infermieristico, già martoriato dal durissimo lavoro prestato nel periodo pandemico, ulteriori azioni professionali miracolose.

Il Presidente Emiliano, l’Assessore Palese e la compagine politica di governo della Puglia si rendano conto – concludono i Presidenti degli OPI – che la situazione professionale degli Infermieri in Puglia è diventata insostenibile e necessità di essere affrontata nell’immediato poiché le doti di resistenza e resilienza degli Infermieri è nel livello di guardia.

 


 

In base all’articolo, i Presidenti degli Ordini delle professioni Infermieristiche della Puglia hanno espresso forti critiche al piano di assunzioni nella sanità pugliese. In particolare, hanno sottolineato che:

  • Le risorse destinate a “nuove” assunzioni sono poche e sono vincolate alle quiescenze e a un rigido regime di controllo della spesa.
  • Le “stabilizzazioni autorizzate” nei Piani (dovute in forza di legge) non determinano aumenti del numero di personale nelle dotazioni organiche delle aziende sanitarie stabilite dal calcolo del fabbisogno.
  • I Piani deliberati dalla GR non rispondono alla necessità di mettere il SSR a “norma” superando le attuali criticità che impediscono di garantire i prescritti protocolli di sicurezza delle cure ai cittadini.
  • Gli Infermieri in forza nelle Aziende Sanitarie pugliesi sono in numero ridotto rispetto agli standard minimi di legge.
  • Il personale infermieristico è già martoriato dal durissimo lavoro prestato nel periodo pandemico.

In conclusione, gli OPI pugliesi ritengono che il piano assunzionale sia inadeguato a rispondere alle esigenze del SSR pugliese. Il personale infermieristico è già in numero insufficiente e le condizioni di lavoro sono inaccettabili. Il piano assunzionale, inoltre, non prevede un aumento del numero di personale nelle dotazioni organiche, ma si limita a stabilizzare i precari.

Le critiche degli OPI pugliesi sono condivisibili. Il piano assunzionale della Regione Puglia non sembra essere in grado di risolvere le criticità del SSR pugliese. È necessario un piano più ambizioso, che preveda un aumento significativo del numero di assunzioni, sia di personale infermieristico che di altri operatori sanitari.

_________________________

AVVISO!

  • Per chi volesse commentare questo servizio può scrivere a redazione@assocarenews.it
  • Iscrivetevi al gruppo Telegram di AssoCareNews.it per non perdere mai nessuna informazione: LINK
  • Iscrivetevi alla Pagina Facebook di AssoCareNews.itLINK
  • Iscrivetevi al Gruppo Facebook di AssoCareNews.itLINK

Consigliati da AssoCareNews.it:

RELATED ARTICLES

Novità

© 2023-2024 Tutti i diritti sono riservati ad AUSER APS - San Marco in Lamis - Tra sanità, servizi socio sanitari e recupero della memoria - D'intesa con AssoCareINFormazione.it.

© 2023-2024 ACN | Assocarenews.it

Quotidiano Sanitario Nazionale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Andrea Ruscitto, Lorisa Katra, Luigi Ciavarella, Antonio Del Vecchio, Francesca Ricci, Arturo AI.

Per contatti: WhatsApp > 3474376756Scrivici

Per contatti: Cell. > 3489869425PEC

Redazione Centrale: AUSER APS - Via Amendola n. 77 - San Marco in Lamis (FG) – Codice Fiscale: 91022150394