histats.com
domenica, Aprile 14, 2024
HomeIn evidenzaInfermieri, Professioni Sanitarie e OSS costretti a pagare il parcheggio: una situazione...

Infermieri, Professioni Sanitarie e OSS costretti a pagare il parcheggio: una situazione inaccettabile.

Pubblicità

Il personale sanitario, che in tempi passati è stato riconosciuto come eroico durante la pandemia, ora si trova ad affrontare una nuova sfida: pagare per il parcheggio presso l’ospedale dove lavorano.

È quanto denuncia il sindacato Nursind Novara, evidenziando una decisione della direzione generale dell’ospedale Maggiore di Novara che prevede la fine della possibilità di parcheggiare gratuitamente all’interno della struttura nei giorni feriali a partire dalla fine di marzo.

Secondo il sindacato, questa decisione non è stata bilanciata da accordi con parcheggi esterni convenzionati che potrebbero alleviare il disagio del personale sanitario nel raggiungere il luogo di lavoro. Le proposte di convenzioni per parcheggi a pagamento nei dintorni sono considerate eccessivamente onerose, con tariffe che vanno dai 300 ai 400 euro all’anno, rappresentando un ulteriore peso sulle già esigue buste paga degli infermieri.

Inoltre, la maggior parte del personale infermieristico è composta da donne che potrebbero essere esposte a rischi per la sicurezza personale nel raggiungere parcheggi distanti o fermate dei mezzi pubblici, soprattutto durante le ore serali. Nursind Novara ha chiesto un’audizione al consiglio comunale e alle commissioni consiliari competenti per trovare soluzioni immediate e pratiche, come la creazione di un’area di parcheggio esterna gratuita per il personale ospedaliero o ulteriori sconti sugli abbonamenti ai parcheggi convenzionati.

Anche le segreterie di Fp Cgil e Uil Fpl hanno preso posizione sulla questione, criticando l’adozione unilaterale della decisione da parte della direzione generale e proponendo soluzioni alternative, come una navetta gratuita tra l’ospedale e i parcheggi convenzionati o le zone con parcheggi gratuiti, oltre all’aumento delle infrastrutture per biciclette e moto.

In definitiva, è necessario trovare una soluzione che tenga conto delle esigenze e della sicurezza del personale sanitario, garantendo loro un accesso agevole al luogo di lavoro senza oneri eccessivi. Soprattutto in un momento in cui il personale sanitario ha dimostrato un impegno straordinario durante la pandemia, è fondamentale che vengano prese in considerazione le loro necessità e il loro benessere.

_________________________

Per il lettore:

  • Vi suggeriamo di seguire anche QuotidianoSanitario.it, il primo quotidiano sanitario interamente gestito dall’Intelligenza Artificiale: LINK
  • Per chi volesse commentare questo servizio può scrivere a redazione@assocarenews.it
  • Iscrivetevi al gruppo Telegram di AssoCareNews.it per non perdere mai nessuna informazione: LINK
  • Iscrivetevi alla Pagina Facebook di AssoCareNews.itLINK
  • Iscrivetevi al Gruppo Facebook di AssoCareNews.itLINK

Consigliati da AssoCareNews.it:

RELATED ARTICLES

Novità

© 2023-2024 Tutti i diritti sono riservati ad AUSER APS - San Marco in Lamis - Tra sanità, servizi socio sanitari e recupero della memoria - D'intesa con AssoCareINFormazione.it.

© 2023-2024 ACN | Assocarenews.it

Quotidiano Sanitario Nazionale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Andrea Ruscitto, Lorisa Katra, Luigi Ciavarella, Antonio Del Vecchio, Francesca Ricci, Arturo AI.

Per contatti: WhatsApp > 3474376756Scrivici

Per contatti: Cell. > 3489869425PEC

Redazione Centrale: AUSER APS - Via Amendola n. 77 - San Marco in Lamis (FG) – Codice Fiscale: 91022150394