histats.com
martedì, Aprile 16, 2024
HomePrimo PianoCronacaModena. Maltrattamenti all'Ospizio: Sistema di Vessazioni Portato in Tribunale.

Modena. Maltrattamenti all’Ospizio: Sistema di Vessazioni Portato in Tribunale.

Pubblicità

In tribunale a Modena. Maltrattamenti all’Ospizio: il sistema delle vessazioni contro gli assistiti in RSA era vergognoso.

MODENA. Nel corso del processo sulle presunte vessazioni perpetrate presso la casa di riposo di Correggio, emergono dettagli scioccanti di maltrattamenti sistematici nei confronti degli anziani. Il pubblico ministero Maria Rita Pantani ha richiesto pene severe per le sei operatrici coinvolte, sottolineando la gravità degli atti perpetrati in un contesto di pubblico servizio.

Il Caso Gigante.

Arduino Gigante, giunto nella struttura nel 2020, doveva ricevere assistenza fisica e psicologica. Tuttavia, secondo l’accusa, fu accolto con insulti e abbandonato in stato di incuria per lunghe ore. La Procura definisce questi maltrattamenti come parte di un sistema diffuso, una pratica che andava oltre un singolo episodio isolato.

La Richiesta di Pene.

Il pubblico ministero ha presentato richieste di condanne significative, sottolineando che le imputate erano affidatarie di un ruolo pubblico cruciale e che i familiari si affidavano a loro nella speranza di garantire il benessere dei loro cari anziani:

  • Antonia Iacovino (52 anni) e Elena Bassi (40 anni): 6 anni e 6 mesi.
  • Karina Da Silva (44 anni) e Maria Di Francesco (58 anni): 5 anni.
  • Esther Montoya (55 anni): 2 anni e 3 mesi.
  • Cipriana Angela Tehei (45 anni): 2 anni e 1 mese.

La Negazione e la Famiglia Coinvolta.

Durante il processo, è emerso che le imputate hanno negato le accuse, arrivando a definire gli insulti come scherzi. Tuttavia, i figli di Arduino Gigante, Stefania e Marcello, si sono costituiti parte civile, confermando le condizioni disastrose in cui trovavano il padre.

Conclusioni.

Il processo mette in luce la necessità di un’attenzione costante e di una supervisione efficace nelle strutture di cura per anziani. La richiesta di pene significative sottolinea l’importanza di rendere conto di tali abusi, assicurando che chi è responsabile di fornire assistenza agisca con la massima diligenza e rispetto.

_________________________

Per il lettore:

  • Vi suggeriamo di seguire anche QuotidianoSanitario.it, il primo quotidiano sanitario interamente gestito dall’Intelligenza Artificiale: LINK
  • Per chi volesse commentare questo servizio può scrivere a redazione@assocarenews.it
  • Iscrivetevi al gruppo Telegram di AssoCareNews.it per non perdere mai nessuna informazione: LINK
  • Iscrivetevi alla Pagina Facebook di AssoCareNews.itLINK
  • Iscrivetevi al Gruppo Facebook di AssoCareNews.itLINK

Consigliati da AssoCareNews.it:

RELATED ARTICLES

Novità

© 2023-2024 Tutti i diritti sono riservati ad AUSER APS - San Marco in Lamis - Tra sanità, servizi socio sanitari e recupero della memoria - D'intesa con AssoCareINFormazione.it.

© 2023-2024 ACN | Assocarenews.it

Quotidiano Sanitario Nazionale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Andrea Ruscitto, Lorisa Katra, Luigi Ciavarella, Antonio Del Vecchio, Francesca Ricci, Arturo AI.

Per contatti: WhatsApp > 3474376756Scrivici

Per contatti: Cell. > 3489869425PEC

Redazione Centrale: AUSER APS - Via Amendola n. 77 - San Marco in Lamis (FG) – Codice Fiscale: 91022150394