histats.com
mercoledì, Maggio 22, 2024
HomeInfermieriConcorsi InfermieriMauro, Infermiere: "ho vinto due concorsi piazzandomi ai primi posti e ogni...

Mauro, Infermiere: “ho vinto due concorsi piazzandomi ai primi posti e ogni volta mi hanno trattato come l’ultimo della classe”.

Pubblicità

Ci scrive Mauro Pirani, Infermiere: “ho vinto due concorsi piazzandomi ai primi posti e ogni volta mi hanno trattato come l’ultimo della classe; siamo solo numeri”.

Buongiorno Direttore,

mi chiamo Mauro Pirani ho 60 anni e dal 1986 che sono Infermiere e che svolgo questa professione. Questa è la mia storia.

Dopo svariate esperienze lavorative fra pubblico e privato, partecipo al concorso indetto dall’azienda ospedaliera della mia città, Ferrara. Esce la graduatoria e il mio nome e il primo della lista, mi sono classificato al primo posto. Ricevo complimenti e congratulazioni da amici, colleghi e familiari.

Qualcuno mi ha detto… hai vinto il concorso bravo complimenti.

Già mi aspettavo un premio e se non proprio un premio che mi si prospettasse di poter scegliere fra alcuni servizi o reparti. Invece quando arrivò la telefonata dell’ufficio assunzioni, mi offrivano il peggior reparto del momento, reparto Covid, turni notturni e scarsità di personale, quindi riposi saltatati, ecc.

Speravo di migliorare la mia qualità di vita, lavoravo già da 17 anni in un ospedale privato, ma non facevo le notti. Per cui mestamente rinuncio al primo premio.

Di lì a qualche mese l’azienda USL di Ferrara indice un nuovo concorso perché aveva già esaurito la precedente graduatoria indetta congiuntamente con l’azienda ospedaliera, ed io che non mi do per vinto partecipo e quando esce la graduatoria eccomi li, questa volta non al primo posto ma al decimo, non male.

Infatti dopo pochi giorni ricevo una chiamata da parte dell’ufficio assunzioni dove l’ennesimo burocrate mi prospetta genericamente due ospedali nel territorio, senza saper nulla né in che reparto che servizio con che orario, dovevo dare una risposta immediata, una risposta che avrebbe cambiato la mia vita.

Anche questa volta devo rinunciare, perché alla mia richiesta, se ci fosse la possibilità di un servizio con orario diurno, mie stato risposto no. Arriviamo ai giorni nostri.

Incontro una collega della mia stessa età che anch’essa in graduatoria intorno al novantesimo posto era in attesa della chiamata e cosa mi dice… che le hanno offerto un posto con turno diurno dal lunedì al venerdì domenica e festività a casa.

E lì lo sconforto ha preso il sopravvento.

Mi chiedo a cosa servono i concorsi, le graduatorie, l’esperienza e l’anzianità di servizio in questa professione.

Un numero, sei solo un numero, tutto ciò che serve come sempre è un po’ di fortuna.

Mauro Pirani, Infermiere iscritto all’OPI di Ferrara

____________________________________________

AVVISO!

  • Per chi volesse commentare questo servizio può scrivere a redazione@assocarenews.it
  • Iscrivetevi al gruppo Telegram di AssoCareNews.it per non perdere mai nessuna informazione: LINK
  • Iscrivetevi alla Pagina Facebook di AssoCareNews.itLINK
  • Iscrivetevi al Gruppo Facebook di AssoCareNews.itLINK

Consigliati da AssoCareNews.it:

RELATED ARTICLES

Novità

© 2023-2024 Tutti i diritti sono riservati ad AUSER APS - San Marco in Lamis - Tra sanità, servizi socio sanitari e recupero della memoria - D'intesa con AssoCareINFormazione.it.

© 2023-2024 ACN | Assocarenews.it

Quotidiano Sanitario Nazionale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Andrea Ruscitto, Lorisa Katra, Luigi Ciavarella, Antonio Del Vecchio, Francesca Ricci, Arturo AI.

Per contatti: WhatsApp > 3474376756Scrivici

Per contatti: Cell. > 3489869425PEC

Redazione Centrale: AUSER APS - Via Amendola n. 77 - San Marco in Lamis (FG) – Codice Fiscale: 91022150394