histats.com
lunedì, Giugno 5, 2023
HomeInfermieriEvidence Based NursingInfermieri Carcerari e Infermieri di Comunità: chi di loro ha lavorato di...

Infermieri Carcerari e Infermieri di Comunità: chi di loro ha lavorato di più durante la Pandemia Covid?

Pubblicità

Uno studio USA sugli Infermieri Carcerari e gli Infermieri di Comunità fa il punto su quanto hanno lavorato gli uni e gli altri durante la Pandemia Covid.

Pubblichiamo l’abstract di uno studio interessante dal titolo “Working Conditions and Wellbeing among Prison Nurses during the COVID-19 Pandemic in Comparison to Community Nurses” (Condizioni di lavoro e benessere tra gli infermieri carcerari durante la pandemia di COVID-19 rispetto agli infermieri di comunità), realizzato negli Stati Uniti d’America da più Ricercatori Infermieri.

Il razionale dello studio.

La salute psicologica e le sfide lavorative degli Infermieri che lavorano nelle carceri durante la pandemia di COVID-19 sono poco studiate. Abbiamo valutato le caratteristiche di lavoro e benessere di un gruppo di infermiere carcerarie della California, confrontandole con quelle di un gruppo di infermiere di comunità.

Da maggio a novembre 2020, un sondaggio online ha misurato i fattori di lavoro psicosociali e organizzativi, le abitudini del sonno, le caratteristiche psicologiche, gli impatti del COVID-19 e il richiamo pre-pandemia tra 62 infermieri carcerari e 47 infermieri di comunità.

Gli infermieri carcerari avevano orari di lavoro significativamente più lunghi (54,73 ± 14,52, p <0,0001), maggiori richieste di lavoro legate alla pandemia e meno ore di sonno (5,36 ± 1,30, p <0,0001) rispetto agli infermieri di comunità.

Gli infermieri di comunità avevano livelli di paura legati alla pandemia significativamente più alti (infezione sul lavoro: p = 0,0115, generale: p = 0,0025) e una minore fornitura di dispositivi di protezione individuale (DPI) percepita (p = 0,0103).

Tra il periodo pre-pandemico e quello pandemico, entrambi i gruppi avevano aumentato significativamente i turni notturni e ridotto le ore di sonno, ma il gruppo carcerario aveva aumentato l’orario di lavoro. Sebbene non statisticamente significativo, entrambi i gruppi presentavano un elevato stress occupazionale e una prevalenza di sintomi di stress post-traumatico.

I nostri risultati indicano che gli infermieri carcerari hanno sperimentato problemi di lavoro e benessere durante la pandemia. La ricerca e la pratica future dovrebbero affrontare il carico di lavoro degli infermieri, i DPI e le risorse psicologiche nelle strutture correzionali e nelle organizzazioni sanitarie.

Gli autori:

Megan Guardiano 1Paul Boy 1Grigoriy Shapirshteyn 2Lisa Dobrozdravic 2Liwei Chen 3Haiou Yang 4Wendie Robbins 1 5Jian Li 1 5

  1. School of Nursing, University of California Los Angeles, Los Angeles, CA 90095, USA.
  2. Quality Management Support Unit, Avenal State Prison, Avenal, CA 93204, USA.
  3. Department of Epidemiology, Fielding School of Public Health, University of California Los Angeles, Los Angeles, CA 90095, USA.
  4. Center for Occupational and Environmental Health, University of California Irvine, Irvine, CA 92617, USA.
  5. Department of Environmental Health Sciences, Fielding School of Public Health, University of California Los Angeles, Los Angeles, CA 90095, USA.

Dove trovare lo studio intero? Eccolo: LINK.

L’articolo completo in inglese: LINK.

Leggi anche:

Nursing Up sul Report Infermieri-Carceri italiane: «Scoperchiato vero e proprio vaso di Pandora».

____________________________________________

AVVISO!

  • Per chi volesse commentare questo servizio può scrivere a [email protected]
  • Iscrivetevi al gruppo Telegram di AssoCareNews.it per non perdere mai nessuna informazione: LINK
  • Iscrivetevi alla Pagina Facebook di AssoCareNews.itLINK
  • Iscrivetevi al Gruppo Facebook di AssoCareNews.itLINK

Consigliati da AssoCareNews.it:

RELATED ARTICLES

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394