histats.com
mercoledì, Maggio 22, 2024
HomeIn evidenzaFIALS. La Sanità Pubblica emiliano-romagnola è in ginocchio, ma Bonaccini e Donini...

FIALS. La Sanità Pubblica emiliano-romagnola è in ginocchio, ma Bonaccini e Donini nascondono realtà dei fatti.

Pubblicità

Tagli di nastro e sorrisi: ecco la strategia del duo Bonaccini/Donini per cercare di nascondere alla popolazione il disastro della Sanità Pubblica Emiliano-Romagnola.

E’ di pochi giorni fa il servizio giornalistico messo in onda su Rete 4 che mette in luce ciò che FIALS va dicendo da mesi. I dati contraffatti delle liste d’attesa e delle performance reali della sanità in Emilia- Romagna sono due cose che stanno agli antipodi. La distanza della politica fatta di proclami e di un Sindacato autonomo come FIALS, da sempre vicino a lavoratori e cittadini, non colluso con gli interessi di partito, a differenza di CGIL,CISL E UIL, finalmente è EMERSA con tutto il suo fragore.

Nella nostra Regione in media anche un codice rosso può aspettare fino a 370 minuti.

Nel 2022 1.709.778 persone si sono recate in pronto soccorso, di queste l’11,77% ha necessitato di un ricovero ospedaliero. Di questo milione di persone, il 6% se n’è andato prima di eseguire la visita medica ( circa 100mila persone), piazzando la regione Emilia Romagna tra le peggiori dopo Abruzzo, Campania, Lazio, Puglia e Sicilia. Tra le province la percentuale maggiore di abbandono si è verificata al Pronto Soccorso di Reggio Emilia, di Bologna e della Romagna. (6,89% dei casi. Dati AGENAS)

A tutto ciò dobbiamo aggiungere l’impossibilità a prenotare una qualsiasi prestazione sanitaria nelle strutture pubbliche regionali e lo stato di indebitamento a cui sono obbligati i cittadini per poter accedere alle cure nella sanità privata.

Su un campione di 31.000 richieste di prestiti eseguiti tra il 22 e il 23 da utenti residenti in Emilia Romagna, il 4,4% dei finanziamenti concessi da assicurazioni e banche concerneva spese per questioni sanitarie. Si è cercato di ottenere in media 6.332 euro da restituirsi in circa 51 mesi. Il sito facile.it, che ha fornito i dati, ha tracciato il profilo del cittadino medio che è ricorso a questo tipo di prestito. Ma la cosa peggiore è il business delle compagnie assicuratrici che si sta sviluppando di pari passo, sulle difficoltà dei cittadini disperati che non hanno altro modo per accedere a qualcosa che dovrebbe essere un diritto garantito a tutti per costituzione.

_________________________

AVVISO!

  • Per chi volesse commentare questo servizio può scrivere a redazione@assocarenews.it
  • Iscrivetevi al gruppo Telegram di AssoCareNews.it per non perdere mai nessuna informazione: LINK
  • Iscrivetevi alla Pagina Facebook di AssoCareNews.itLINK
  • Iscrivetevi al Gruppo Facebook di AssoCareNews.itLINK

Consigliati da AssoCareNews.it:

RELATED ARTICLES

Novità

© 2023-2024 Tutti i diritti sono riservati ad AUSER APS - San Marco in Lamis - Tra sanità, servizi socio sanitari e recupero della memoria - D'intesa con AssoCareINFormazione.it.

© 2023-2024 ACN | Assocarenews.it

Quotidiano Sanitario Nazionale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Andrea Ruscitto, Lorisa Katra, Luigi Ciavarella, Antonio Del Vecchio, Francesca Ricci, Arturo AI.

Per contatti: WhatsApp > 3474376756Scrivici

Per contatti: Cell. > 3489869425PEC

Redazione Centrale: AUSER APS - Via Amendola n. 77 - San Marco in Lamis (FG) – Codice Fiscale: 91022150394