Pubblicità

Laurearsi a distanza in Infermieristica non era quello che si aspettava tre anni fa, ma Alessandra Accaputo, 29 anni neo-collega ai tempi del Covid è ugualmente soddisfatta per il suo successo. Ha discusso una tesi Care neonatale ottenendo 110/110.

Alessandra Accaputo, ha 29 anni, e abita a Canicattini Bagni in provincia di Siracusa. Ha conseguito la Laurea in Infermieristica il 28 maggio 2020, discutendo una tesi su “Quando una carezza vale più di mille medicine: la Care neonatale” con votazione di 110/110. E’ una delle neo-Infermiere laureatesi ai tempi del Covid-19 ed è già pronta per scendere in campo a difesa dei suoi futuri assistiti.

A reale la sua tesi è stato il dott. Carmelo Russo, responsabile del Servizio Infermieristico del P.O. Vittorio Emanuele dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Policlinico Vittorio Emanuele di Catania e docente di Nursing Pediatrico e neonatologico al CDL di Scienze Infermieristiche.

Alessandra ha studiato a Catania presso la facoltà di Medicina – Dipartimento di Scienze Mediche, Chirurgiche e Tecnologie Avanzate “G. F. Ingrassia” – Corso di laurea in Infermieristica.

“Mia madre è un’infermiera e lavora nel reparto di neonatologia dell’ospedale Umberto I di Siracusa da circa 15 anni. Quando andavo a prenderla al lavoro è successo più di una volta che delle donne si avvicinassero per farle dei complimenti per tutte le premure e le attenzioni che lei aveva avuto per i loro neonati, per le parole rassicuranti e l’amore che lei mette nello svolgimento della propria professione e con molte di loro è tutt’ora in contatto per rimanere aggiornata sui progressi dei loro bambini. Da qui nasce il mio interesse verso l’argomento centrale di questa tesi, la Care neonatale” – ci spiega Alessandra.

L’utilizzo dell’approccio Care nasce dall’esigenza di offrire un’assistenza personalizzata fatta di premure, attenzioni e accortezze ai neonati prematuri ma la mia intenzione è quella di analizzare come l’approccio Care possa essere anche applicato nell’assistenza dei neonati nati a termine ed anche alla donna in gravidanza.

La tesi di Alessandra Accaputo sul Care neonatale.
La tesi di Alessandra Accaputo sul Care neonatale.

“Questo perché la nostra professione non si basa soltanto sulla conoscenza teorico-pratica, ma si basa anche sulla relazione con l’altro e sull’empatia e quali reparti migliori se non la neonatologia, la terapia intensiva neonatale e il reparto di ostetricia e ginecologia dove poter utilizzare l’approccio Care. Pertanto, l’obiettivo di questa tesi è quello di mostrare l’utilizzo della Care durante l’assistenza al neonato pre-termine, al neonato a termine e alla donna in gravidanza e al suo futuro bambino” – conclude Accaputo.

L’introduzione della tesi di Alessandra.

Nella presente tesi ho voluto trattare della Care neonatale, un approccio assistenziale che mira a migliorare il periodo di degenza dei neonati a termine, dei neonati affetti da patologie, migliorare la qualità dell’assistenza fornita alla donna durante la gravidanza (antenatal care) ma soprattutto rivolta ai neonati pretermine cercando di favorire il loro relazionarsi con l’ambiente extrauterino, andando ad agire nel primo caso tramite la presa in carico del neonato, la valutazione dei bisogni primari, le attenzioni rivolte alle
pratiche assistenziali, il contatto pelle a pelle con la madre ed altri, nel secondo caso andando ad introdurre anche i vari accorgimenti inerenti il parto, favorendo il più possibile uno sviluppo del feto tranquillo e ottimale e nel terzo caso si darà importanza all’adattamento del prematuro, ponendo l’attenzione su tutti
quelli che possono essere fattori stressanti nell’ambiente ospedaliero quali luci e rumori, l’invasività di alcune procedure assistenziali e mediante approcci assistenziali individualizzati, ovvero diversi a seconda delle necessità del neonato e si cercherà inoltre di introdurre il più precocemente possibile la presenza dei genitori per stabilire un importante contatto madre/figlio padre/figlio che permetterà di migliorare lo sviluppo psicologico del bambino. Ho voluto iniziare descrivendo il neonato alla nascita, differenziando il neonato sano dal neonato patologico e dal neonato pretermine, per poi centrare l’attenzione sullo sviluppo
della Care e dell’importanza di questo approccio assistenziale nel favorire il corretto sviluppo emotivo e psicofisico dei neonati e dei bambini non ancora nati.