OSS24 / Operatori Socio Sanitari licenziati: somministravano farmaci sedativi ai Pazienti durante la notte.

Gli OSS possono somministrare la terapia? No, gli OSSS si, ma...

? Leggi ? E’ accaduto in provincia di Rimini. OSS licenziati perché “beccati” a somministrare ansiolitici e farmaci inducenti il sonno in casa di riposo. Denunciata la struttura da alcuni parenti degli ospiti.

Avevano notato che i loro congiunti era troppo spossati e disorientati di mattina. La situazione diventava ancora più evidente nel post pranziate. Due famiglie di due ospiti di una nota casa di riposo nel riminese hanno giustamente chiesto alla struttura di verificare cosa accadeva di notte. A distanza di 15 giorni l’Ente privato, anche se convenzionato con il SSN, ha “beccato” due Operatori Socio Sanitari (OSS) e li ha licenziati in tronco. Somministravano farmaci sedativi ai “nonnini” per lavorare più tranquillamente nel turno di notte.

Lo facevano non solo con i più “facinorosi”, ovvero con colore che “osavano” suonare il campanello più di una volta, ma anche con chi secondo loro poteva essere un potenziale “pericolo”. Definire pericolosi gli anziani ultra novantenni e semi autonomi ostinati nella casa di riposo è ridicolo. Non la pensavano così i due OSS messi oggi sotto accusa e che saranno denunciati all’autorità competente.

Gli stessi OSS somministravano Tachipirina e farmaci anti dolorifici di notte senza prescrizione medica, impossessandosi dei farmaci direttamente dall’Infermeria. La strutta è h12, cioè prevede la presenza di Infermieri solo di giorno, dalle 8 alle 20.00. Nelle ore notturne è gestita solo da Operatori Socio Sanitari.

E non è tutto, gli OSS si occupavano di fare diagnosi e di somministrare farmaci all’insaputa di tutti, solo per non chiamare la Guardia Medica o il 118 in caso di necessità.

Dopo la richiesta di verifica dei parenti alla direzione della struttura si è scoperto il fattaccio. Ora rischiano l’abuso di professione Infermieristica e Medica e la casa di riposo una grossa multa per omessa vigilanza. Al momento, in via precauzionale, la casa di riposo è seguita anche di notte da un Infermiere che assieme a due OSS seguono tutte le attività notturne.

Verifiche si starebbero compiendo anche in altre strutture del gruppo. Vi terremo aggiornati sull’argomento, nel frattempo continuate a seguirci.

Potrebbe interessarti...