Tensed male nurse sitting on staircase in hospital
Pubblicità

Un OSS è stato licenziato dopo essere stato beccato a rubare un blister di Xanax. Soffriva di Disturbo Post-Traumatico da Stress per un incidente e per una brutta disavventura in un reparto Covid.

Dopo un incidente stradale non riusciva a dormire di notte e di giorno era molto agitato. Il suo medico psichiatra gli aveva diagnosticato un Disturbo Post-Traumatico da Stress susseguente ad un incidente stradale e dopo una brutta esperienza in un reparto Covid. Lui, un OSS di 44 anni, aveva dimenticato le compresse di Xanax a casa, così ha deciso di “recuperare” un blister dal carrello delle terapie, in assegna dell’Infermiere di turno. Non fu azione main così sbagliata.

Tutto è accaduto durante il turno di notte. L’uomo era in turno ed è stato colpito da una improvvisa crisi di panico. Non era la prima volta che accadeva. Passata la fase acuta ha cercato le compresse di Alprazolam nell’armadietto, poi in borsa e infine nell’auto parcheggiata nel cortile della struttura dove lavorava. Niente, dimenticate a casa.

L’OSS, in preda alla paura di un ritorno della crisi di panico ha pensato bene di “recuperare” una compressa di Xanax dal carrello della terapia, mentre l’infermiere di turno con lui era intento a posizionare delle Nutrizioni Enterali.

Il 44enne ha preso dal carrello un intero blister, l’ultimo rimasto. Ed è stato qui il suo errore. Infatti, intorno alle ore 22.00, l’Infermiere si è accorto del blister mancante e si è precipitato in Infermeria per verificare se lo aveva dimenticato da qualche parte. Un’ora prima aveva eseguito il controllo dello stesso carrello e aveva segnato le confezioni in via di esaurimento (che andavano poi richieste l’indomani in Farmacia). Di qui il dubbio? E’ corso direttamente dall’Operatore Socio Sanitario e ha preteso la restituzione dello Xanax, che andava somministrato a ben 6 ospiti prima del riposo notturno.

L’uomo ha dapprima negato tutto, poi ha ammesso, confessando la sua crisi e il suo Disturbo. Ha restituito il blister, così l’Infermiere ha potuto somministrare il farmaco agli Assistiti, tutti pazienti collaboranti e vigili, con con problemi di natura neurologica o psichiatrica.

L’indomani, però, l’Infermiere ha presentato una relazione scritta sull’accaduto, rispettando i dettami del Codice Deontologico della professione. L’OSS è stato richiamato in Direzione, sospeso senza stipendio e dopo 10 giorni licenziato. Non ha presentato alcuna memoria difensiva, nonostante l’Azienda glielo avesse chiesto esplicitamente e per iscritto. Ha ammesso la colpa e l’errore e è andato via convinto di aver commesso un grossolano errore.

Leggi anche:

Xanax: l’alprazolam, un ansiolitico della famiglia delle benzodiazepine.

Coronavirus: rischio Disturbo Post Traumatico da Stress dopo l’assistenza al Covid-19.

Infermieri no alla pulizia di frigo e di carrelli emergenza e terapia: cosa succede nella realtà?