Pubblicità

Una OSS di 48 anni è stata accusata di aver rubato e rivenduto mascherine FFP2 a colleghi di altre case di cura. Licenziata in tronco.

Una Operatrice Socio Sanitaria di 48 anni è stata licenziata qualche settimana fa per aver derubato la sua azienda, una nota casa di cura privata ubicata nell’hinterland di Ferrara. E’ stata beccata a rubare mascherine FFP2 e nel contempo a restituirle alla struttura.

Al momento non è stata denuncia, ma prima sospesa senza stipendio e poi licenziata per giusta causa. Era assunta a tempo indeterminato da dieci anni.

Secondo l’azienda avrebbe approfittato della paura dei contagi da Coronavirus per rubare le mascherine FFP2 e tentare di rivenderle a colleghi conosciuti in altre case di cura.

Lei si è difeso dicendo che quelle mascherine erano usare e che lei le aveva recuperate disinfettandole e che non le ha mai rivendute, ma regalate agli ex-colleghi.

Fatto sta l’azienda non le ha creduto ed ha preteso che le FFP2 venissero restituite.

Di furti di mascherine FFP2 ne avevamo già parlato qualche mese fa, è un vezzo presente quindi anche in altre realtà assistenziali.

Noi rimaniamo ancora una volta basiti.

Leggi anche:

Coronavirus. Infermiere arrestato per furto di mascherine e DPI. OPI: “una vera vergogna per la professione”.

Coronavirus. Infermieri e OSS in agitazione. Furti in ospedale, sottratti mascherine e gel antisettici per le mani.