histats.com
martedì, Agosto 3, 2021
Pubblicità
HomeCronacaDall'esteroLa guerra si ferma grazie al Coronavirus.

La guerra si ferma grazie al Coronavirus.

La pandemia da coronavirus sta riuscendo nel miracolo: la gravità della situazione costringe le forze militari di mezzo mondo a fermare la guerra.

Coronavirus: ko anche la guerra. A distanza di pochi giorni dall’appello dell’ONU per cessare il fuoco, i conflitti di mezzo mondo si fermano. Africa, Medio Oriente, eserciti e ribelli: tutti annichiliti ripongono le armi per prepararsi alla pandemia.

Sono quindi arrivati i primi compromessi per una pace momentanea. La notizia sembra però assurda: ci è voluto un virus mondiale per diminuire il numero delle guerre!

Le adesioni all’appello delle Nazioni Unite sono state innumerevoli. Il fuoco è stato cessato in innumerevoli paesi tra cui citiamo Siria, Camerun, Filippine, Yemen. Un paese dopo l’altro si è unito alla causa e hanno preso accordi di pace temporanea.

Solo per Gaza dobbiamo attendere. Le trattative sono più lunghe, ma in corso.

Il nemico comune, invisibile, ha costretto le varie fazioni a sospendere la barbarie bellica per correre ai ripari. Sperando che questa emergenza gli insegni qualcosa di più prezioso ma anche più difficoltoso di un proiettile in canna: il dialogo.

Quanti conflitti armati ci sono ancora nel mondo?

Sono passati 75 anni dalla fine del fronte europeo della Seconda Guerra Mondiale (celebrato lo scorso 8 maggio 2020). Ciò nonostante in tutti questi decenni i conflitti non si sono mai fermati e anche attualmente sono decine i fronti ancora aperti.

Dott.ssa Lorisa Katra
Infermiera AUSL Toscana Centro, Ex studente AOU Careggi, Social Media Manager di AssoCareNews.it. Forte sostenitrice della relazione e della comunicazione. Curiosità, gentilezza e passione per il cambiamento sono miei punti cardine. Quando svesto la casacca non esiste dolce che non possa preparare.
RELATED ARTICLES

Novità

© 2021 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2021 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Felice La Riccia, Lorisa Katra, Michela Ciavarella, Michelarcangelo Orlando, Francesca Ricci, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Puglia: Via Renato Guttuso, 4 – Rignano Garganico (FG) – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394