Pubblicità

Emergenza Coronavirus. Calano i contagi ma salgono i morti in Italia. Sono 52, mentre 1835 gli infetti.

In Italia frenano i contagi: ieri l’incremento dei malati è stato del 16% (258 casi in più) a fronte dell’aumento del 50% registrato il giorno prima. Di questi, inoltre, il 50% è asintomatico (o con sintemi lievi) e in isolamento domiciliare, il 40% è ricoverato con sintomi e solo il 10% in terapia intensiva. “Un dato confortante” dice il commissario Angelo Borrelli sottolineando che si tratta di una percentuale che ricalca il dato complessivo: su 1.835 malati, 927 sono in isolamento nella propria casa, 742 ricoverati con sintomi e 166 in terapia intensiva. Sono 149 i guariti, 52 i decessi.

A Prato primo caso sospetto positivo di coronavirus, in attesa della validazione dell’Iss. Si tratta di una giovane donna italiana rientrata in Toscana dopo alcuni giorni trascorsi in Lombardia: sarebbe stata a Bergamo. La donna è ricoverata nel reparto di malattie infettive dell’ospedale di Prato: le sue condizioni generali di salute sono definite buone. Con questo salgono a 14 i casi in Toscana, di cui cinque validati dall’Iss, gli altri in attesa.

Intanto non si arresta ancora la diffusione del coronavirus in Italia: sale il numero dei malati, sono 1.835 e quello delle vittime, 52 in totale, 18 in più nelle ultime 24 ore con il primo morto nelle Marche, un 88enne di Fano.

L’ultimo bollettino della Protezione Civile conferma quello che da giorni ripetono gli esperti e che anche oggi ha sottolineato il presidente dell’Iss Silvio Brusaferro: i prossimi giorni saranno fondamentali per capire se le misure adottate sono davvero in grado di fermare il contagio o se, viceversa, ne serviranno di nuove e ancora più stringenti.

Ad oggi più di 21.000 sono i tamponi eseguiti.

In attesa di eventuali ulteriori dati, questo è l’aggiornamento al 3 marzo 2020.

Continuiamo a lavorare nel rispetto di tutti, seguendo attentamente le procedure di prevenzione e gestione, utilizzando correttamente i DPI nella pratica assistenziale.

Fonte: Ansa.it – AssoCareNews.it