Italian Prime Minister Giuseppe Conte holds a press conference to present the guidelines for the 2020 Italian budget. (Photo by Jacopo Landi/NurPhoto via Getty Images)
Pubblicità

Emergenza Coronavirus. Il presidente del consiglio dei ministri Giuseppe Conte in diretta TV: “l’Italia è sotto assedio, assieme fermeremo il Covid-19”. Domenico Arcuri nominato commissario straordinario con ampi poteri.

L’Emergenza Coronavirus ha raggiunto oramai un livello impensabile fino a qualche settimana fa. In Italia non si contano più i morti, i contagi e gli ammalati di COVID-19. Il presidente del consiglio Giuseppe Conte nei giorni scorsi ha voluto ringraziare in diretta TV Medici, Infermieri e tutti coloro che si stanno battendo contro il COVID-19. Ha ringraziato anche gli italiani.

“Se i numeri dovessero continuare a crescere, cosa nient’affatto improbabile, non significa che dovremo affrettarci a varare nuove misure. Non dovremo fare una corsa cieca verso il baratro. Dovremo essere lucidi, responsabili” – ha sottolineato il premier.

“Non è necessario fare nessuna corsa per acquistare il cibo: i negozi di alimentari restano aperti” è l’appello di Conte.

Il decreto del presidente del consiglio dei ministri DPCM (11 marzo 202): DPCM 11 marzo 2020.pdf.

Il nostro Paese è in difficoltà, ma il mondo ci sta apprezzando perché gli italiani stanno dando grande prova di compattezza e di positività, siamo una comunità che vincerà la pandemia. Siamo il secondo Paese, dopo la Cina, che è stato colpito così gravemente da questa infezione, ma siamo anche un popolo straordinario che sta reagendo in maniera meravigliosa.

Il premier ha ricordato che al primo posto della sua attività politica c’è la salute degli Italiani.

Conte ha annunciato che chiuderanno tutte le attività produttive. Ci saranno misure sempre più restrittive, ma si deve procedere gradualmente verso la fine di una battaglia che certamente ci porterà alla vittoria.

Ora dobbiamo compiere un passo in avanti, quello definitivo. Chiudono tutte le attività commerciali fino al 25 marzo 2020 (piccole, grandi e medie), restano aperti solo gli alimentari, le farmacie e le società che offrono servizi indispensabili. Chiudono pub, ristoranti, parrucchieri, gelaterie, estetisti, negozi di vestiario, negozi di hobbistica, negozi di casalinghi, tabaccai e via discorrendo.

Industrie e fabbriche possono lavorare solo con protocolli di sicurezza adeguate contro il COVID-19.

Saranno aperte le aziende che producono beni alimentari, sempre che rispettino le norme anti-Coronavirus e si adeguino alle direttive del Governo.

Dovremo attendere 15 giorni per capire se questa scelta sarà valida o meno. Nelle ultime ore erano stati i governatori del Nord a chiedere tali drastica evenienza. Ora è realtà.

Domenico Arcuri, nominato commissario straordinario per l'Emergenza Coronavirus. Avrà ampi poteri decisionali.
Domenico Arcuri, nominato commissario straordinario per l’Emergenza Coronavirus. Avrà ampi poteri decisionali.

Verrà nominato anche un commissario ad acta che gestirà l’intera emergenza, con ampi poteri. E’ Domenico Arcuri, delegato di Invitalia.

Chi è Domenico Arcuri.

Classe 1963, calabrese, Arcuri ha studiato economia all’università Luiss di Roma e ha iniziato a lavorare proprio all’Iri che dal 1933 al 2002 è stato il simbolo dell’interventismo statale nel nostro Paese.

Nel 1992 è andato in Pars, joint venture Arthur Andersen e GEC, di cui è stato amministratore delegato e nel 2001 è stato partner responsabile italiano “Telco, Media e Technology” di Arthur Andersen. Nel 2004 ha poi ricoperto lo stesso ruolo in Deloitte Consulting e in seguito è passato appunto in Invitalia dove – come precisa il sito dell’agenzia – “su mandato del Governo ha elaborato e realizzato, tra l’altro, il piano di riorganizzazione e rilancio dell’azienda, che oggi gestisce tutte le misure agevolative per le imprese, compresi i nuovi incentivi Smart&Start Italia e il Fondo Italia Venture I per le startup innovative”.

Arcuri collabora anche con vari atenei (Bocconi, Federico II e Luiss) ed è editorialista su diversi quotidiani nazionali con articoli sullo sviluppo del Mezzogiorno. Ora è il commissario unico per l’Emergenza Coronavirus.