Anziana ammalata di Alzheimer presa a sprangate in Puglia in una RSA.

Anziana ammalata di Alzheimer presa a sprangate in Puglia in una RSA.
Anziana ammalata di Alzheimer presa a sprangate in Puglia in una RSA.

Scattate indagini per omesso controllo di incapaci

Si indaga su una Residenza Sanitaria Assistita (RSA) pugliese dopo la vile aggressione nei confronti di un’anziana ammalata di Alzheimer presa a sprangate. A colpirla un altro paziente con problematiche di demenza. Sotto inchiesta i gestori della struttura, ma anche Infermieri e OSS che ora si difendono. Ora è ricoverata a San Giovanni Rotondo nel reparto di chirurgia maxillo-facciale. Le sue condizioni restano critiche.

La brutale aggressione sarebbe avvenuta in una RSA a Troia, popolosa cittadina ubicata nell’entroterra foggiano. I fatti risalirebbero alla notte tra il 20 e il 21 gennaio 2019. Vittima una donna di circa 70 anni affetta di Alzheimer. A denunciare pubblicamente l’accaduto sono stati i colleghi dell’Immediato.

La donna sarebbe stata colpita con una spranga di ferro da un altro paziente della struttura. L’anziana è stata poi trasferita presso l’ospedale Casa Sollievo della Sofferenza a San Giovanni Rotondo. Attualmente è ricoverata in condizioni critiche presso il reparto di chirurgia maxillo facciale.

Immediate le indagini per capire le responsabilità dell’accaduto. Ascoltati Infermieri, Oss e Dirigenti Sanitari della RSA.

Potrebbe interessarti...