Medicina: Orsi massacrati per fare farmaci!

? Orsi torturati e lasciati morire per realizzare un farmaco destinato alle alte sfere cinesi. Orsi della Luna, una realtà da conoscere e condannare.

La moderna medicina cinese ricorre spesso agli animali come fonte diretta di sostanze definite curative. Gli Orsi della Luna sono una specie di orso cinese caratterizzati da una zona di pelo bianca sul petto che, appunto, sembra uno spicchio di luna.

Questi amabili mammiferi hanno però un problema: medici cinesi consigliano la loro bile come soluzione ad un insieme di patologie (perlopiù dell’apparato digerente).

Una medicina costosa che ha fatto fiorire un mercato vero e proprio con oltre 400 “allevamenti” in tutta la Cina, Vietnam e Corea.

Ma come avviene questa “farmacoproduzione”?

Gli orsi vengono catturati e sottratti dall’ambiente naturale per essere rinchiusi in gabbie larghe quanto il loro stesso corpo. Questo per limitarne la pericolosità riducendo lo spazio di manovra, prima, e debilitandone l’apparato muscolo-scheletrico su lungo periodo.

Una volta ingabbiati come tonno in scatola si provvede all’estrazione della bile.

NOTA BENE:

da questo punto si sconsiglia la lettura la parte in corsivo alle persone impressionabili.

Per estrarre la bile ci sono più tecniche. Tutte brutali, dolorose e pericolose per l’orso.

Una di queste prevede che venga conficcato chirurgicamente un tubo di gomma nella cistifellea dell’animale. Questo tubo drena la bile in vasi o contenitori, dove lentamente gocciola il fluido. Un’altra invece si avvale di un tubo in ferro direttamente conficcato nel ventre dell’animale, con similare sistema di drenaggio. Altre ancora prevedono posizionamenti di busti, sempre con lo scopo di raggiungere la cistifellea.

NOTA BENE: da ora è nuovamente consigliata la lettura per le persone impressionabili

Cosa possiamo fare?

Salviamo gli Orsi della Luna è un’Associazione No Profit che si impegna affinchè questa crudeltà finisca. In particolare oltre all’attività di informazione riguardo questa realtà si impegna anche in territorio cinese.

La raccolta fondi infatti finanzia direttamente le oasi di Chengdu (Cina) e Tam Dao (Vietnam): veri paradisi protetti dove gli Orsi liberati dagli “allevamenti” possono tornare alla vita ed essere accuditi.

Pagina Facebook dell’Associazione: Salviamo gli Orsi della Luna

Sito internet: www.orsicinesi.org

Condividi questo articolo e fai conoscere ai tuoi amici e conoscenti questa crudeltà!

Potrebbe interessarti...