OSS: usiamo troppa plastica, ci sono alternative!

OSS prende le distanze dall’uso massiccio di plastica negli ambienti sanitari e lancia uno spunto direttamente alle alte cariche dello Stato: ridurre i consumi è possibile!

OSS ci scrive mossa da preoccupazione verso l’ambiente e verso il mondo che verrà: l’uso della plastica in ospedale è tristemente enorme.

“Gentile AssoCareNews.it

mi chiamo Maria e vi scrivo per denunciare quanta plastica usiamo in ospedale. Lo stesso vale per le strutture e il territorio.

E’ inutile bandire i piatti di plastica se ancora il 90% di quello che usiamo per lavorare è fatto di plastica, ha imballaggi di plastica o è fatto anche da plastica. Io e le mie colleghe ci siamo vergognate che abbiamo scoperto di usare le manopole monouso che al suo interno hanno parti della plastica.

Io penso che stiamo scherzando con il fuoco e tutti ci stanno dicendo che il mondo non ne può più. Ne parlavamo tutte assieme, è possibile che non si possa investire contro questa cosa?

Mi appello a chi governa e decide: torniamo alle lavatrici in reparto, che inquinano ma meno. Torniamo alla sterilizzazione. Non si pretende di tutto ma almeno si riducesse di anche un poco sarebbe tanto.

Se ci teniamo al futuro del nostro bellissimo pianeta, dobbiamo sforzarci tutti.

Abbiamo i magazzini pieni di cose che non usiamo o che continuiamo ad ordinare.

Grazie mille vi leggiamo tutte in reparto.

Maria Salvo”

****

Grazie Maria,

la tua riflessione è importante e molto contestuale. Adesso che le politiche europee e di tanti singoli paesi hanno mosso passi verso la riduzione dell’uso della plastica è anche il momento di pensare ad un minor utilizzo in contesti che vanno oltre quello alimentare.

A mio avviso le tue preoccupazioni hanno sollevato ancora una volta due elementi critici: gli imballaggi e il materiale monouso. Inoltre le Aziende Sanitarie cercano di riciclare il più possibile i propri scarti.

Le soluzioni dovranno essere trovate, il tempo per salvare il pianeta è sempre meno.

Grazie dell’affetto, continua a seguirci!

Marco Tapinassi

vicedirettore AssoCareNews.it

Potrebbe interessarti...