Pubblicità

Una nuova stagione per gli Operatori Socio Sanitari in Italia: è l’auspicio del Cts Puglia, che spinge per riforme urgenti nel settore: “il futuro è a portata di mano”.

Carissimo Direttore di AssoCareNews.it,

in questo momento storico l’operatore socio sanitario si trova davanti ad una domanda… cosa vuoi fare da grande?
Proprio così perché grazie all’impegno di tanti colleghi che hanno sposato la causa di dare una nuova veste agli Oss, il Cts Oss Puglia in tempi non “sospetti” è nato con questo obiettivo, essendo composto esclusivamente da Operatori Socio Sanitari che conosco le tematiche in modo chiaro.

E’ il momento di riformare la nostra figura prima di tutto attraverso i decreti attuativi della Legge Lorenzin n.3 comma 5 del 2018, che ne istituisce l’area socio sanitaria, pertanto è d’obbligo il passaggio dell’Oss in un ruolo diverso da quello attuale, in quanto è l’Oss la figura deputata a svolgere tutta l’assistenza di base del paziente e non vediamo perché restare dei tecnici se agiamo da sanitari.

Rivedere la formazione, oggi demandata alle Regioni e alle Province autonome, chiediamo una formazione Unica e uniforme su tutto il territorio nazionale, meccanismi di ingresso chiari e soprattutto cercare di far cessare la speculazione e la vendita di attestati falsi.

Serve un cambio di rotta! Tra gli Oss ci sono donne e uomini che hanno scelto questo lavoro per tanti motivi, ma tra noi troviamo gente diplomata, laureata e anche a volte con dei Master, non accettiamo che vengano additati gli Oss come “gli ignoranti del Comparto Sanità”.

Gli Oss sono fondamentali per il nostro SSN, per la Sanità privata, le Rsa, le Case protette, i Centri Diurni, i Centri Socio Educativi dove svolgono assistenza diretta al paziente nell’espletare i suoi bisogni primari.

I nostri Obiettivi:

  • Revisione contrattuale OSS;
  • Revisione della formazione degli OSS;
  • Cambiamento dei meccanismi d’accesso ai corsi di formazione;
  • Applicazione Legge Lorenzin;
  • Un documento Nazionale che ne omogenei le sue competenze;
  • Elenco Nazionale gestito dagli OSS.

L’Oss è una risorsa consapevole, è l’operatore a cui sono stati chiesti dei sacrifici anche durante questa pandemia, è l’operatore che nel privato, pur di lavorare, deve accettare condizioni al limite della dignità, è un professionista che opera, coopera e collabora con l’equipe multidisciplinare, che agisce con equità spirito di adattamento e pragmatismo professionale.

In Puglia grazie all’impegno e alla costanza, della nostra Associazione, è stata approvata la legge che istituisce l’Elenco regionale degli Oss, a breve dovrebbe partire l’attivazione pratica.

Abbiamo assistito in questi giorni alla presentazione di un’interrogazione parlamentare dell’Onorevole Stefania Mammì, inoltre a seguito della nostra lettera al Premier Conte è stata chiesta interrogazione parlamentare (atto n. 4-03184) dal Sen. De Bonis, ne attendiamo gli interventi e ci aspettiamo delle risposte concrete da parte delle istituzioni.

Qualora si istituisse un elenco nazionale sarebbe Opportuno che questo fosse gestito dagli Operatori Socio Sanitari!!!

Siamo dotati di intelletto e consapevolezza, a tutelare la categoria ci devono essere gli operatori della categoria, sembra scontato ma non lo è, e come Associazione CTS OSS PUGLIA, noi tuteleremo e valorizzeremo sempre la figura professionale degli OSS.

Distinti saluti.

Associazione
CTS OSS PUGLIA