Pubblicità

Antonella Palma fa l’Infermiera, ma sognava di fare anche la moglie. E’ distante 700 Km da suo marito IVA, che fa l’OSS. Il COVID li tiene forzatamente separati.

Carissimo Direttore di AssoCareNews.it,

ti scrivo per raccontarti brevemente la mia storia. Mi chiamo Antonella. Sono una Infermiera che ha lavorava in Lombardia. Mio marito, Ivan, è un Operatore Socio Sanitario e anche lui lavora in un ospedale della Lombardia.

Sono 60 GIORNI che non incrocio il suo sguardo perché 700 km ci DIVIDONO…. LOMBARDIA e CAMPANIA i due fuochi, eppure chissà se ho fatto la scelta giusta, quanto il lontano 6 marzo ho deciso di accettare il lavoro nell’ospedale della mia città Natale (Napoli, dove sono attualmente), eravamo entusiasti perché il finalmente il nostro sogno nel cassetto stava per realizzarsi, finalmente la nostra amata Campania ci ha aveva dato una speranza.

Forse però non sapevamo cosa ci stava riservando il destino… È DURA essere impegnati in prima linea con questo nemico invisibile, è dura doverci sostenere a vicenda nelle videochiamate quando per entrambi un turno è andato storto, è dura non poter ricevere un abbraccio o semplicemente una carezza, è dura far fronte alle stupide incomprensioni legate solo ed esclusivamente alla distanza…

Con l’ultimo decreto sembrava vedersi la luce in fondo al tunnel, e invece NO non puoi sei in un altra REGIONE e quindi non puoi. Non puoi vederlo e per chissà quanto tempo ancora…. lui, l’uomo che hai scelto al tuo fianco per tutta la vita e dove vi siete promessi, davanti a Dio, amore finché morte non vi separi solo 9 mesi fa… eppure chi più di noi sanitari è sottoposto a continui test rapidi e tamponi (sempre negativi)…

Non sarò l’unica moglie lontano dal marito ma ci saranno tantissime famiglie nella mia stessa situazione…

Allora mi chiedo quando? Quando riuscirò ad incrociare gli occhi azzurro cielo del mio amato marito?

Antonella Palma, Infermiera