histats.com

Trenta OSS licenziati e senza preavviso: polemiche in Calabria.

Trenta OSS licenziati e senza preavviso: polemiche in Calabria.

30 dei 92 lavoratori precari della Coopservice, esternalizzati presso la struttura sanitaria dell’Annunziata di Cosenza, hanno ricevuto e senza preavviso un lettera di licenziamento immediato.

E’ di nuovo polemica a Cosenza per il futuro di 92 Operatori Socio Sanitari. 30 di loro sono stati licenziati l’altro giorno e senza preavviso, cosa accadrà a tutti gli altri? Gli OSS interessati sono allo stremo: “non è stata rispettata la proroga fino al 31 dicembre, senza nessun criterio di scelta sono state licenziate 30 persone con effetto immediato e ora cosa facciamo?”.

E’ quanto riferiscono i colleghi di Quicosenza.it. Scoppia nuovamente la grana degli 92 operatori socio sanitari esternalizzati della Coopservice. O per meglio dire una parte di loro, 30 lavoratori che si sono visti recapitare a casa la lettera di licenziamento con effetto immediato. Il caso degli Oss dell’Annunziata era scoppiato un paio di mesi fa quando l’azienda di Reggio Emilia aveva comunicato l’attivazione delle procedure di licenziamento collettivo entro il 30 settembre per gli operatori socio sanitari, tutti lavoratori in servizio presso la struttura sanitaria dell’Annunziata di Cosenza, con l’impossibilità di una ricollocazione.

Dopo le dure proteste dei lavoratori, anche con azioni eclatanti e sit-in alla cittadella regionale. Il commissario Cotticelli, il dirigente Belcastro  e il prefetto di Cosenza Galeone aveva provato una mediazione con la ditta provando ad annullare i licenziamenti, ma senza esito.

In soccorso dei lavoratori (alcuni anche da oltre 20 anni) era arrivata la Regione Calabria approvando la legge “salvaprecari” che manteneva salvi i posti di lavoro fino al 31 dicembre.

Ma oggi, a 30 dei 92 Oss, è arrivata ugualmente la lettera del licenziamento della Coopservice con effetto immediato. I lavoratori protestano sia perché non è stata rispettata la proroga al 31 dicembre, ma anche perché non si sa quale sia stato il criterio scelto dall’azienda nella scelta dei 30 lavoratori licenziati a casa a cui, sottolineano gli operatori, è stata pagata anche l’indennità di preavviso. I lavoratori si sono spostati in Prefettura.

Alcuni di loro, insieme ai rappresentanti sindacali, saranno ricevuti e chiederanno di mettersi subito in contatto con l’azienda e con il Commissario dell’AO di Cosenza, la Dott.ssa Panizzoli, che dovranno fornire delle risposte immediate.

Staremo a vedere cosa accadrà.

Avatar

Redazione

Servizio Redazionale.

© 2019-2020 Tutti i diritti sono riservati ad AssoCareINFormazione.it.

© 2019 ACN | Assocarenews.it

Associazione di promozione culturale – In attesa di registrazione al Tribunale di Bologna.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Giulia De Francesco, Giovanni Maria Scupola, Ivan Santoro, Gioacchino Costa.

Per contatti: WhatsApp > 3805851500 – Cellulare 3489869425 Scrivici PEC

Redazione Emilia Romagna: Viale Spadolini, 13 – Ravenna – Codice Fiscale: 91022150394

Redazione Toscana: Via Girolamo Fracastoro, 27 Firenze – Codice Fiscale: 91022150394