Pubblicità

Caso Stati Generali Emergenza Urgenza al capolinea: associazioni scientifiche e politiche mediche scaricano Balanzoni e tendono la mano al mondo infermieristico.

Il caso attorno agli Stati Generali Emergenza Urgenza in programma nel prossimo marzo a Firenze si è finalmente esaurito.

Oggi le rappresentanze scientifiche e politiche mediche hanno preso ufficialmente le distanze dalle dinamiche polemiche e strumentali proposte a più riprese dalla Balanzoni.

Firme pesanti che non lasciano spazio a dubbi e intrepretazioni, come del resto il testo stesso.

Si legge nella lettera “Il Comitato Scientifico condanna e si dissocia dai giudizi negativi sull’indiscusso valore della multi-professionalità espressi
da terzi, esterni al panel delle Società aderenti.
Condanna altresì la diffusione impropria di notizie, scelte e documenti utili all’organizzazione sulla piattaforma social,
costituita a scopo interno”.

Probabilmente ispirati dalla fuoriuscita dall’evento di Fnopi e Siiet, adesso è giunto il momento della riconciliazione.

Un brutto colpo verso chi ha seminato zizzania sperando di attecchire sfruttando un’immaturità di vision e in un classismo professionale che però non si sono manifestate. Forse i tempi sono cambiati?

Andy Warhol parlava di 15 minuti di fama, ma non poteva certo prevedere le dirette facebook di oggi.

Ma se l’intrattenimento resta sempre e solo tale, la serietà scientifica e politica si fanno in tutt’altro modo.

Questa la lettera ufficiale: