ebola, isolamento, via aerea
epa04436090 Soldiers from the German Army paramedic service take part in a Barrier Nursing Course (learning how to deal with highly contageous patients) in the tropical medicine department at the Army Hospital at the Bernhard Nocht Institute (BNI) in Hamburg, Germany, 07 October 2014. The soldiers, who have volunteered to help combat Ebola and other operations in Africa, are being trained for possible deployment. EPA/CHRISTIAN CHARISIUS
Pubblicità

Le misure precauzionali servono ad impedire la diffusione in ambiente ospedaliero di microrganismi potenzialmente patogeni e contemporaneamente a contenere la resistenza batterica agli antibiotici.

Si utilizzano precauzioni standard, destinate a tutti i malati, e in supplemento precauzioni aggiuntive in base alla via di trasmissione: droplet, aerea, contatto.

Le precauzioni aggiuntive vanno aggiunte alle standard solo quando i pazienti sono colonizzati o in caso di sospetta colonizzazione. Tali precauzioni si distinguono in base alla tipologia di contatto. Il contatto più frequente è quello diretto ma le tipologie di trasmissione delle infezioni ospedaliere si dividono in sottogruppi: diretto e indiretto.

Per contatto diretto si intende quell’incontro tra superfici fisiche con trasferimento fisico dei microrganismi tra persona infetta nè colonizzata e ospite suscettibile. La trasmissione può avvenire tra paziente-paziente, operatore-paziente, paziente-operatore, ovviamente sono da comprendere anche i visitatori eventuali.

  • Per contatto diretto si intende quello tra ospite suscettibile e oggetto contaminato, veicolo, come ad esempio strumentario, taglienti, indumenti, mani contaminate, guanti, dispositivi di protezione usati scorrettamente
  • La trasmissione tramite droplet (goccioline) avviene ogni volta che le gocce generate da una sorgente  si espandono entro un metro, avendo un peso superiore a 5 micron. Questa tipologia di trasmissione riguarda tutte quelle patologie trasmissibili tramite tosse, starnuti, bronco-aspirazione, ogni manovra entro un metro dalla sorgente. Le gocce vagano nell’aria per poi depositarsi sulle superfici, per tanto non rimanendo nell’aria basta prestare attenzione ad evitare il contagio in caso di stretto contatto.
  • La trasmissione per via aerea avviene quando le gocciole prodotte dalla sorgente hanno misura uguale o inferiore a 5 micron. Tali gocce si disperdono nell’aria, come particelle propagandosi nell’aria fino a 5 metri dalla sorgente.
  • Trasmissione attraverso veicoli: alimenti, acqua, farmaci, presidi, strumentario e apparecchiature.
  • Trasmissione attraverso vettori: zanzare, mosche, topi o altri insetti nocivi.