Pubblicità

La FIALS di Bologna in trattativa diffida le Direzioni Generale dell’Area Metropolitana per non aver ancor pagato l’indennità COVID-19 ed i progetti correlati al mantenimento delle attività clinico-assistenziali durante le fasi critiche della Pandemia. Lo comunica il segretario provinciale Alfredo Sepe.

C’è la copertura economica per pagare le indennità, spiega Sepe, i fondi parlano chiaro, noi abbiamo dato disponibilità alla firma per sbloccare i pagamenti, ma le Aziende vorrebbero trattenere tali somme per investirle solo una parte del personale, ipotesi a cui siamo fortemente contrati , sarebbe infatti fortemente discriminatorio , visto che le Aziende Bolognesi sono da “sempre” HUB COVID le indenenità vanno estese a tutti i lavoratori, all’area tecnico/ammistrativa andrebbe ricononosciuto un progetto, visto che non possono percepire da CCNL le indennità Covid -19.

“Se non ci saranno risposte certe in tempi brevi, siamo pronti ad intraprendere percorsi legali a tutela dei nostri associati, chiedendo anche gli interessi di mora per i ritardi nel pagamento delle indennità, un diritto soggettivo che le Aziende non possono negare”- conclude il sindacalista FIALS.

2 COMMENTS

Comments are closed.