histats.com
domenica, Aprile 14, 2024
HomeInfermieriEvidence Based NursingResponsabilità professionale nella gestione degli esami colturali.

Responsabilità professionale nella gestione degli esami colturali.

Pubblicità

Il ruolo dell’infermiere nei processi diagnostici che coinvolgono gli esami colturali è cruciale per garantire l’accuratezza e l’affidabilità dei risultati.

Di seguito sono riassunte le fasi e le responsabilità dell’infermiere nel processo diagnostico di un esame colturale:

  1. Pre-analitica:
    • Richiesta di indagine clinica: Compete al medico, che stabilisce la necessità dell’esame colturale in base al quadro clinico del paziente.
    • Informazione al paziente: È compito dell’infermiere o del medico informare il paziente sull’esame e sulla procedura di prelievo del campione.
    • Preparazione del paziente: L’infermiere si occupa di preparare il paziente per il prelievo del campione.
    • Identificazione del campione: L’infermiere è responsabile dell’identificazione corretta del campione da prelevare.
    • Prelievo del campione: L’infermiere o il medico effettua il prelievo del campione biologico secondo le procedure standard.
    • Conservazione del campione: Prima del trasporto o dell’invio in laboratorio, l’infermiere o l’operatore sanitario deve conservare il campione in modo appropriato.
    • Trasporto/invio del campione: L’infermiere o l’operatore sanitario è responsabile del trasporto sicuro del campione al laboratorio.
  2. Analitica:
    • Esecuzione dell’esame: Questa fase è eseguita dai tecnici di laboratorio, biologi o microbiologi.
  3. Post-Analitica:
    • Refertazione: Il biologo o il microbiologo elabora i risultati dell’esame e genera il referto.

L’infermiere ha un ruolo fondamentale nella fase pre-analitica, durante la quale si verifica la maggior parte degli errori, poiché coinvolge molteplici operatori e attività manuali. Gli errori in questa fase possono influenzare significativamente l’esito del trattamento del paziente e contribuire all’aumento dei costi sanitari.

Durante il prelievo del campione, è importante che l’infermiere segua scrupolosamente le procedure per garantire l’accuratezza del campione e evitare la contaminazione da fonti esterne o endogene. Ciò include il prelievo del campione quando il microrganismo è più concentrato nel materiale biologico, l’utilizzo di contenitori idonei e la quantità adeguata di campione per evitare falsi negativi.

In sintesi, l’infermiere gioca un ruolo critico nell’assicurare la qualità e l’affidabilità degli esami colturali attraverso la sua partecipazione attiva nelle fasi pre-analitiche del processo diagnostico.

_________________________

Per il lettore:

  • Vi suggeriamo di seguire anche QuotidianoSanitario.it, il primo quotidiano sanitario interamente gestito dall’Intelligenza Artificiale: LINK
  • Per chi volesse commentare questo servizio può scrivere a redazione@assocarenews.it
  • Iscrivetevi al gruppo Telegram di AssoCareNews.it per non perdere mai nessuna informazione: LINK
  • Iscrivetevi alla Pagina Facebook di AssoCareNews.itLINK
  • Iscrivetevi al Gruppo Facebook di AssoCareNews.itLINK

Consigliati da AssoCareNews.it:

RELATED ARTICLES

Novità

© 2023-2024 Tutti i diritti sono riservati ad AUSER APS - San Marco in Lamis - Tra sanità, servizi socio sanitari e recupero della memoria - D'intesa con AssoCareINFormazione.it.

© 2023-2024 ACN | Assocarenews.it

Quotidiano Sanitario Nazionale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Andrea Ruscitto, Lorisa Katra, Luigi Ciavarella, Antonio Del Vecchio, Francesca Ricci, Arturo AI.

Per contatti: WhatsApp > 3474376756Scrivici

Per contatti: Cell. > 3489869425PEC

Redazione Centrale: AUSER APS - Via Amendola n. 77 - San Marco in Lamis (FG) – Codice Fiscale: 91022150394