minaccia infermiera La storia di Michela Z., ex-infermiera libero professionista e il suo incubo professionale vissuto in una casa protetta tra Toscana ed Emilia Romagna.
Pubblicità

Infermiera denuncia gravi carenze, l’Azienda di appartenenza la riconosce e inquisisce con minaccia di provvedimenti disciplinari e legali.

Azienda minaccia Infermiera, rea di aver raccontato alla stampa gravi mancanze che espongono lei, i suoi colleghi ed i pazienti a pericoli.

I fatti.

La collega in data 03 Novembre aveva pubblicato una denuncia sul nostro giornale omettendo il nome del’Azienda e raccontando una situazione di forte disagio sia professionale che umano.

L’esposizione a determinate situazioni nasceva da decisioni aziendali errate a cui lei solo parzialmente si riferiva.

Lo scorso 13 Novembre la sua azienda la contatta e la convoca in direzione del personale.

Durante l’incontro viene additata e accusata, messa letteralmente in croce e minacciata di licenziamento e vie legali.

In realtà sia l’avvocato a cui si è rivolta la collega sia la nostra consulenza legale sono giunti alla stessa situazione: non esiste nessun elemento per un successo legale dell’Azienda contro la dipendente.

Minaccia e bavaglio.

La donna è stata quindi semplicemente oggetto di minaccia e imbavagliamento, una ritorsione che non possiamo non condannare con questo articolo.

La denuncia della donna è stata momentaneamente posta off-line su richiesta della stessa, che adesso ha paura di ulteriori ritorsioni da parte dell’establishment aziendale.

La collega sta valutando le vie legali per questa intimazione.

***

Noi di AssoCareNews.it ci poniamo da anni a difesa della libera espressione delle gioie e dei dolori che affliggono i colleghi di tutta Italia, senza distinzione.

La garanzia dell’anonimato, che al contempo da adito a qualche invidioso di blaterare accuse, ci permette di fornire un servizio unico: quello della denuncia pubblica.

Il pubblico sempre crescente è sicuramente una ricompensa ma la vera gratificazione sono le decine di feedback che i nostri colleghi e lettori ci inviano, pubblicamente e privatamente, assieme a sindacati, azienda (quelle serie) e istituzioni pubbliche, istituzioni del settore sanitario e della stampa in generale.

1 COMMENT

Comments are closed.