histats.com
martedì, Aprile 16, 2024
HomeIn evidenzaPensioni per Infermieri, OSS e Professioni Sanitarie: cosa cambia con la quota...

Pensioni per Infermieri, OSS e Professioni Sanitarie: cosa cambia con la quota 103 e chi andrà via nel 2024?

Pubblicità

Speciale pensioni Infermieri, OSS e Professioni Sanitarie: cosa cambia con la quota 103 e chi andrà in quiescenza nel 2024?

Come si uscirà dal lavoro nel 2024? Quali i requisiti? Dalla vecchiaia a quota 103, passando per l’Ape sociale. Ital Uil, patronato della Uil ha stilato sulla base dei testi della legge di bilancio quali ad oggi si può far riferimento, i requisiti per il pensionamento nel prossimo anno. Uno studio realizzato per Adnkronos/Labitalia. Ne parlano i colleghi de Il Messaggero.

Le modalità e i requisiti per il pensionamento in Italia possono variare in base alle leggi vigenti e alle riforme previdenziali in corso. Nel tuo messaggio, fai riferimento a diverse opzioni e requisiti per il pensionamento previsti per il 2024. È importante notare che queste informazioni possono cambiare nel tempo a causa di nuove leggi e riforme, quindi è sempre consigliabile consultare un esperto previdenziale o le fonti ufficiali per ottenere informazioni aggiornate e accurate.

Tuttavia, al momento in cui ho l’ultima conoscenza disponibile (gennaio 2022), posso darti alcune informazioni generali sulle opzioni di pensionamento in Italia che erano in vigore prima di quella data:

  1. Quota 100 e Quota 41: La “Quota 100” era un’opzione di pensionamento anticipato che permetteva di andare in pensione quando la somma dell’età anagrafica e dei contributi versati raggiungeva 100 (nel caso degli uomini) o 91 (nel caso delle donne). La “Quota 41” era una variante per coloro che avevano iniziato a lavorare molto giovani. Questi requisiti potevano essere modificati o estesi in base a leggi successive.
  2. Ape Sociale: L’Ape Sociale (Anticipo Pensionistico) era un’opzione per i lavoratori che avevano raggiunto i requisiti per il pensionamento, ma avevano difficoltà economiche o sanitarie. Potevano richiedere l’anticipo della pensione con alcune condizioni particolari.
  3. Pensione di Vecchiaia: L’età legale per la pensione di vecchiaia in Italia era di 67 anni, ma esistevano regole di transizione e opzioni di pensionamento anticipato.

Tuttavia, le regole e le opzioni possono essere cambiate con nuove leggi di bilancio e riforme previdenziali. Per conoscere i requisiti specifici per il pensionamento nel 2024, ti consiglio di consultare le fonti ufficiali del governo italiano o rivolgerti a un consulente previdenziale che può fornirti le informazioni più aggiornate e personalizzate in base alla tua situazione.

Pensione di vecchiaia.

I soggetti con almeno un contributo versato al 31 dicembre 1995 potranno andare in pensione con 67 anni di età e 20 di contributi sia per sia uomini che donne.

Coloro che hanno contribuzione solo dopo il 31 dicembre 1995, che chiameremo “Contributivi puri”, ora potranno accedere alla pensione di vecchiaia al raggiungimento dei requisiti (67 anni di età e 20 di contributi) senza più dover raggiungere l’importo minimo previsto di 1,5 importo minimo ma solamente pari all’assegno sociale. Sempre per i contributivi puri si potrà andare in pensione di vecchiaia al raggiungimento dei 64 anni di età e 20 di contributi a patto che l’importo di pensione sia pari a 3,0 volte, ridotto a 2,8 volte per le donne con un figlio e a 2,6 volte per le donne con due o più figli.

Anticipo pensione per lavoratori precoci.

Potranno andare in pensione anticipata con 41 anni di contributi i soggetti con almeno un anno di contribuzione (anche non continuativo) maturata prima del compimento dei 19 anni, che rientrano in particolari categorie (in estrema sintesi: caregiver, disoccupati, con ridotta capacità lavorativa di almeno il 74%, lavoratori con mansioni «gravose»).

Anticipo pensione attività usuranti.

Per i dipendenti impegnati in attività stabilite rigidamente per legge, possono accedere al pensionamento in anticipo con una quota 97,6, che sta a indicare 61 anni e 7 mesi di età anagrafica e 35 di contributi. I soggetti indicati dalla legge sono, brevemente: quelli indicati nel Decreto “Salvi”, dm 19 maggio 1999 (lavoratori in cava, miniera, galleria, palombari, per asportazione amianto, ecc.), lavoratori subordinati notturni (con specifica di numero minimo di notti, che determinano progressivamente la quota di ‘uscità), lavoratori della linea «catena», caratterizzati da ripetizione costante dello stesso ciclo lavorativo, conducenti del servizio pubblico.

Quota 103.

Regime sperimentale valido per il 2023, che dovrebbe venire confermato per il 2024, in base alle anticipazioni sulla manovra finanziaria, rivolto ai lavoratori privati e pubblici che potranno andare anticipatamente in pensione a 62 anni di età e 41 di contributi (uomini e donne). Dal 2024 la novità potrebbe essere la modifica delle finestre di uscita, 7 mesi per i dipendenti privati (3 mesi nella precedente manovra), 9 mesi per i dipendenti pubblici (6 mesi nella precedente manovra).

La maggiore novità dalla dovrebbe essere relativa al ridimensionamento dell’assegno: l’importo potrebbe essere calcolato interamente nel sistema contributivo anche per gli anni maturati nel retributivo, ed inoltre l’importo non potrà superare in nessun caso i 2.250 euro mensili fino al compimento dell’età pensionabile. Per coloro che aderiscono a questa è previsto il divieto di cumulo con altri redditi da lavoro oltre la soglia di 5 mila euro.

Ape sociale.

Dovrebbe essere prorogata anche la misura ‘sperimentalè di Anticipo Pensione, con carattere indennitario e non pensionistico che agevola la cessazione dall’attività lavorativa in attesa del trattamento pensionistico effettivo. Prevista per lavoratori in particolari condizioni disagiate (disoccupati, caregiver, invalidi almeno al 74%, lavoratori che svolgono mansioni «gravose»). Nel 2024 dovrebbe essere possibile accedere ad Ape Sociale con 63 anni e 5 mesi di età (non più a 63 anni come nella precedente manovra), con 36 (o 30) anni di contributi; sono previste 12 mensilità (no tredicesima) e l’importo della rata non potrà essere superiore ai 1.500 euro mensili.

Opzione donna.

Viene prorogata di un anno questa misura sperimentale. Le lavoratrici dipendenti e autonome con almeno 35 anni di contributi, rientranti in alcune categorie (caregiver, disoccupate, invalide almeno al 74%), potranno accedere al trattamento pensionistico a partire da 61 anni di età, con uno “sconto” di un anno in presenza di un figlio e 2 anni in presenza di due o più figli (in sostanza dalle anticipazioni sembra che verrà aumentata di un anno la soglia anagrafica rispetto al 2023: infatti si partiva da 60 anni e non 61 fino ad un minimo di 58 e non 59 come nell’attuale versione).

E voi quando andrete in pensione?

Se non vi ritrovate in questo studio dite pure la vostra scrivendo a redazione@assocarenews.it e soprattutto raccontateci la vostra esperienza nella fase del pre-pensionamento. E’ andato tutto ok? Avete avuto problemi?

_________________________

Per il lettore:

  • Vi suggeriamo di seguire anche QuotidianoSanitario.it, il primo quotidiano sanitario interamente gestito dall’Intelligenza Artificiale: LINK
  • Per chi volesse commentare questo servizio può scrivere a redazione@assocarenews.it
  • Iscrivetevi al gruppo Telegram di AssoCareNews.it per non perdere mai nessuna informazione: LINK
  • Iscrivetevi alla Pagina Facebook di AssoCareNews.itLINK
  • Iscrivetevi al Gruppo Facebook di AssoCareNews.itLINK

Consigliati da AssoCareNews.it:

RELATED ARTICLES

Novità

© 2023-2024 Tutti i diritti sono riservati ad AUSER APS - San Marco in Lamis - Tra sanità, servizi socio sanitari e recupero della memoria - D'intesa con AssoCareINFormazione.it.

© 2023-2024 ACN | Assocarenews.it

Quotidiano Sanitario Nazionale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Andrea Ruscitto, Lorisa Katra, Luigi Ciavarella, Antonio Del Vecchio, Francesca Ricci, Arturo AI.

Per contatti: WhatsApp > 3474376756Scrivici

Per contatti: Cell. > 3489869425PEC

Redazione Centrale: AUSER APS - Via Amendola n. 77 - San Marco in Lamis (FG) – Codice Fiscale: 91022150394