histats.com
sabato, Febbraio 24, 2024
HomeIn evidenzaAddio a Pippo Castronovo, difensore della vista e pioniere della prevenzione della...

Addio a Pippo Castronovo, difensore della vista e pioniere della prevenzione della cecità.

Pubblicità

Se n’è andato a ben 89 anni a Pippo Castronovo, dirigente della IAPB, strenuo difensore della vista e pioniere della prevenzione della cecità.

Accecato da un ordigno bellico all’età di 8 anni e capace di raccogliere sostegno trasversale tra scienza, istituzioni e mondo dello spettacolo grazie al suo entusiasmo e calore umano, l’Avvocato ha introdotto in Italia strumenti di prevenzione che non avevano eguali nel resto del mondo. Presidente storico dell’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità – IAPB Italia, si è spento nelle prime ore di Giovedì 30 novembre. Aveva 89 anni.

Si è spento a 89 anni Giuseppe Castronovo, una delle figure più importanti nella storia d’Italia per la lotta alla cecità evitabile e per la diffusione della prevenzione e della riabilitazione visiva. L’avvocato, che molti affettuosamente ricordano come Pippo Castronovo, era nato a Favara, in provincia di Agrigento.

All’età di 8 anni raccoglie una trappola esplosiva a forma di penna lasciata verosimilmente dall’esercito tedesco in ritirata durante la seconda Guerra Mondiale e rimane cieco. Quello sarà il giorno tragico della sua “seconda nascita”. Nella perdita e nel dolore Castronovo trova una nuova forza e una missione: quella di fare tutto quanto è in suo potere per evitare che altri debbano soffrire la perdita della vista.

Il 23 gennaio del 1986, a nove anni dalla sua fondazione, diviene presidente dell’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità, che aveva sede all’epoca, in una stanza della Presidenza Nazionale dell’Unione Italia dei Ciechi e degli Ipovedenti. Promuove tra i parlamentari un testo di legge che segnerà la storia della prevenzione visiva in Italia: il 28 agosto 1997 viene approvata la legge n. 284. Una legge innovativa, senza precedenti in Europa, che, per la prima volta, stanzia dei fondi per azioni di prevenzione.

Malattie come glaucoma, retinopatia diabetica, degenerazione maculare legata all’età, minacciano irreparabilmente la vista, perché distruggono i tessuti nervosi dell’occhio all’inizio in maniera asintomatica. I danni, perciò, sono irreparabili ma la diagnosi precoce tramite visite specialistiche e regolari dal medico oculista sono in grado di offrire un trattamento efficace che cura o ferma la patologia. Anche quando la vista è perduta, e la persona diventa ipovedente o cieca, la riabilitazione visiva in centri specializzati fa la differenza perché permette alla persona di affrontare il dolore e il trauma della perdita e riconquistare spazi di autonomia e libertà.

Dice il presidente di IAPB Italia Mario Barbuto: “Con la scomparsa di Pippo Castronovo, i ciechi italiani e del mondo perdono un vero cavaliere della vista e della luce. L’Unione Italiana Ciechi e Ipovedenti e l’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità piangono la perdita di un uomo e un dirigente che ha sempre contribuito allo sviluppo dei processi di inclusione delle persone con disabilità visiva e alle azioni di prevenzione della cecità e di salute pubblica rivolte a tutti i cittadini. Il suo entusiasmo indomabile e la sua solida esperienza continueranno a farci da guida nel nostro lavoro quotidiano, illuminandoci con l’esempio che Pippo ci ha donato in oltre cinquant’anni di attività instancabile”.

“La vista – diceva infatti ‘Pippo’ Castronovo – è un dono prezioso e dobbiamo prendercene cura”.  Sotto la sua guida illuminata e visionaria, in poco più di un decennio IAPB Italia, diviene un volano culturale, sociale e scientifico che in modo antesignano rivoluzionerà il concetto di prevenzione visiva, misconosciuto a quei tempi alla stragrande maggioranza della popolazione, delle istituzioni e dei medici, trasformandola da pratica di buona volontà a punto di partenza della filiera delle cure.

La vittoria della legge 284 non rappresenta il culmine dei suoi sforzi, ma l’inizio. Con tenacia irrefrenabile, unita ad una dose incontenibile di solare allegria, capace di trasformare in pochi secondi un qualsiasi interlocutore in un accanito sostenitore della tutela visiva, l’Avvocato ottiene dal legislatore l’approvazione di un provvedimento di legge per la creazione a Roma del Polo Nazionale di Servizi e Ricerca per la Prevenzione della Cecità e la Riabilitazione Visiva, che vede la sua nascita all’interno di uno dei più grandi Policlinici Universitari d’Europa, l’IRCCS Agostino Gemelli di Roma. Oggi il Polo è Collaborating Centre dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha scritto gli Standard mondiali della riabilitazione visiva e dei curricula formativi degli operatori specializzati e assiste, ogni anno, centinaia di pazienti – tra cui molti bambini nati prematuri o con malattie genetiche rare – ad allenare il residuo visivo e sviluppare capacità di crescere, imparare e muoversi liberamente nonostante la forte riduzione delle capacità visive.

Il 9 ottobre 2009, l’Avvocato ottiene un altro storico risultato: in occasione della conferenza celebrativa della Giornata Mondiale della Vista istituita dall’Agenzia Internazionale per la Prevenzione della Cecità, all’interno della Sala del Mappamondo della Camera dei Deputati, il Ministro della Salute firma il decreto istitutivo della “Commissione di prevenzione della Cecità”: unico caso al mondo di organismo governativo specifico per la vista. Un successo che si inserisce in un’incessante attività di sensibilizzazione dipanata in anni di incontri con Ministri, campagne di prevenzione pubblica, instancabili interviste televisive e il coinvolgimento di personaggi dello spettacolo: uno sforzo instancabile volto a far sì che le persone compiessero i pochi, ma essenziali, passi necessari a proteggere il bene prezioso della vista.

“L’Avvocato Castronovo – lo ricorda Tiziano Melchiorre, Segretario Generale di IAPB Italia – ha impresso in modo indelebile il concetto di prevenzione e riabilitazione visiva nell’oftalmologia, nella coscienza socio-sanitaria della popolazione e nei decisori politici del nostro Paese. Ci ha lasciato non solo un’enorme eredità e una pesante responsabilità, ma ci ha anche insegnato il modo per portarla avanti, buttando sempre il cuore oltre l’ostacolo, nonostante le difficoltà sembrino insormontabili, senza che manchi mai una dose soverchiante di salutare ironia.Grazie caro Presidente. Noi in tutto questo, ci “crediamo ciecamente!”

_________________________

Per il lettore:

  • Vi suggeriamo di seguire anche QuotidianoSanitario.it, il primo quotidiano sanitario interamente gestito dall’Intelligenza Artificiale: LINK
  • Per chi volesse commentare questo servizio può scrivere a redazione@assocarenews.it
  • Iscrivetevi al gruppo Telegram di AssoCareNews.it per non perdere mai nessuna informazione: LINK
  • Iscrivetevi alla Pagina Facebook di AssoCareNews.itLINK
  • Iscrivetevi al Gruppo Facebook di AssoCareNews.itLINK

Consigliati da AssoCareNews.it:

RELATED ARTICLES

Novità

© 2023-2024 Tutti i diritti sono riservati ad AUSER APS - San Marco in Lamis - Tra sanità, servizi socio sanitari e recupero della memoria - D'intesa con AssoCareINFormazione.it.

© 2023-2024 ACN | Assocarenews.it

Quotidiano Sanitario Nazionale – In attesa di registrazione al Tribunale di Foggia.

Direttore: Angelo “Riky” Del Vecchio – Vice-Direttore: Marco Tapinassi

Incaricati di Redazione: Andrea Ruscitto, Lorisa Katra, Luigi Ciavarella, Antonio Del Vecchio, Francesca Ricci, Arturo AI.

Per contatti: WhatsApp > 3474376756Scrivici

Per contatti: Cell. > 3489869425PEC

Redazione Centrale: AUSER APS - Via Amendola n. 77 - San Marco in Lamis (FG) – Codice Fiscale: 91022150394