Pubblicità

Nasce il gruppo WulnoTECH che, assieme ad AssoCareNews.it, vuole rilanciare gli Infermieri Wound Care in tutto Italia: vi è la nesessità di fare sistema. Indagine su cosa hanno bisogno i colleghi impegnati nel settore.

Siamo 4 Infermieri che si occupano di Wound Care. Poiché siamo di differenti zone d’italia, ogni volta che ci siamo confrontati, abbiamo riscontrato delle diversità strutturali che ci hanno portato a riflettere sul nostro mondo lavorativo.

Abbiamo messo in rete il questionario a cui avete gentilmente risposto in 301 operatori del settore. La finalità è quella di comprendere le esigenze del territorio in tema di Lesioni cutanee, al fine di ideare un’ipotesi di rete strutturata.

I risultati del sondaggio sono i seguenti:

  • Infermiere Specialista in Wound Care = 108;
  • Infermiere Esperto in Wound Care = 51;
  • Infermiere semplice = 110;
  • Promotore commerciale = 6;
  • Altri = 26.

Sono 250 risposte su 301 (51 mancanti).

Abbiamo notato con piacere che accanto ad Infermieri Specialisti/Esperti hanno collaborato anche Infermieri che hanno manifestato l’interesse per questo mondo. Ci è solo dispiaciuto che non si siano qualificati i 26 (ALTRO).

Al questionario non hanno risposto i FKT. Ritenendo la loro figura abbastanza importante per la prevenzione e la conservazione della mobilizzazione sia passiva che attiva.

Hanno risposto solo un paio di Medici che si sono qualificati nei commenti.

I luoghi di lavoro.

La maggior parte dei partecipanti prestano la propria professionalità presso reparti ospedalieri. La rilevazione ha evidenziato anche la presenza non solo di Ambulatori specifici per il trattamento delle lesioni ma anche ambulatori polispecialistici ed ambulatori prettamente infermieristici che sicuramente hano a che fare con le medicazioni.

Tipologia delle Lesioni Trattate:

  • LDP = 56;
  • Lesioni vascolari = 23;
  • Piede diabetico = 15;
  • Lesioni oncologiche = 11;
  • Skin tears = 74;
  • Deiscenza = 36;
  • Altro = 35

Dalle risposte mancanti si può desumere che alcuni partecipanti alla rilevazione potrebbero non essere coinvolti giornalmente nella cura delle lesioni, ma manifestano un certo interesse. Le lesioni a maggior incidenza sono le Skin Tears e le LDP. Le altre tipologie di lesioni hanno incidenza minore. Anche qui non abbiamo specifica delle lesioni che rientrano nel gruppo “Altro”

A seguire pubblicheremo i nostri commenti sulle seguenti tre domande:

  1. Quali sono le difficoltà che incontri nella gestione dei pazienti portatori di Lesioni
  2. Commenti
  3. In un percorso formativo quali argomenti reputi necessari e prioritari.

Le vostre risposte sono state sincere ed interessanti. Hanno evidenziato diverse problematiche che si riflettono soprattutto sull’integrazione Ospedale-Territorio. Quello che più ci colpisce è l’atteggiamento ostruzionista dei colleghi. Un atteggiamento deleterio se pensiamo anche al nostro codice Deontologico che ha inserito la figura dell’Infermiere Specialista e/o Esperto.

Studiare, aggiornarsi, avanzare nelle conoscenze è il requisito fondamentale della nostra professione. E’ vero che veniamo da un retaggio storico che nel giro di 40 anni ci vede saltare da una scuola professionale ad una Laurea, ma il nostro mondo deve essere governato dalle evidenze scientifiche.

Progetto WulnoTECH a cura degli Infermieri Specialisti in Wound Care:

  • Dott.ssa Agata Russo
  • Dott. Ivan Santoro
  • Dott.ssa Sonia Silvestrini
  • Dott.ssa Alessandra Vernacchia

Per approfondimenti sul settore Wound Care: LINK.