LILT, lotta al cancro e danno radiazioni: le verità dell'Ordine Professioni Sanitarie.
LILT, lotta al cancro e danno radiazioni: le verità dell'Ordine Professioni Sanitarie.
Pubblicità

Emergenza Coronavirus. Alessandro Beux, Presidente della Federazione delle Professioni Sanitarie è drastico: “vergognoso annullare responsabilità di decisori politici e amministrativi che hanno causato morti per Covid-19, prendiamo le distanze dai poteri forti”.

“Siamo venuti a conoscenza di emendamenti al DL 17 marzo 2020, n. 18, cosiddetto Cura Italia, che mirano a ridimensionare o ad annullare le responsabilità dei datori di lavoro e degli operatori sanitari per i danni causati dalle attività svolte nella gestione dell’emergenza Covid-19” – è quanto spiega Alessandro Beux, presidente della Federazione Nazionale Ordini Professioni Sanitarie (FNO TSRM PSTRP).

“Se è sensato pensare a un alleggerimento della posizione degli operatori sanitari che sono stati fisicamente chiamati a fronteggiare l’emergenza senza i necessari supporti organizzativi e dispositivi di protezione individuale, risulta vergognoso che si pensi di intervenire normativamente a beneficio della posizione di chi, su un piano politico, per decenni ha disinvestito nella sanità pubblica e, in quello amministrativo, lo ha accettato e favorito per interessi di parte, a volte personali, creando i presupposti che hanno già reso così pesante e drammatico il conto di questa emergenza” – aggiunge.

“Nelle ultime settimane si è ripetuto che l’emergenza Covid-19 ci sta dando una lezione dalla quale dovremo essere bravi a imparare. I predetti emendamenti sono la dimostrazione dell’esatto contrario: nonostante l’emergenza Covid-19 e quel che ci sta facendo patire in termini di limitazioni personali, paure, malattie e morti, la nostra politica, dal bianco al nero, e i poteri forti che la sollecitano continuano a ragionare con gli schemi di prima, dai quali con questo comunicato vogliamo prendere la più netta distanza” – continua Beux.

Questa emergenza ha dei responsabili anche tra i decisori politici e gli amministratori, concludono dalla Federazione delle Professioni Sanitarie: “entrambi dovranno farsene carico“.